Passa ai contenuti principali

"L'alba arriva per tutti"

Per scrivere poesie occorre guardare il mondo in un modo un po’ speciale... Bisogna saper trasmettere emozioni con intensità e sensibilità, saper cogliere aspetti che ad altri normalmente sfuggono. Tutto questo, ma anche molto di più si può trovare in “L’alba arriva per tutti”, una raccolta di poesie scritta da Felix Adado e pubblicata da Edizioni Ensemble.


Si tratta, infatti, di versi nati da un’esperienza sofferta e drammatica, ma anche ricchi di speranza, così come promette lo stesso titolo del libro, e portatori di un messaggio degno di essere condiviso. Sono versi che raccontano una storia dolorosa ma a lieto fine, parole che sintetizzano un’intera vita.
Felix Adado è nato in Togo ed è arrivato in Italia nel 2005 dal Golfo di Guinea, chiedendo asilo nel nostro Paese e vivendo tre anni da “irregolare”. Un periodo molto duro, come possiamo solo immaginare.
Oggi Felix risiede a Gaeta ed è inserito pienamente nella comunità italiana. Lavora come interprete presso le Commissioni Territoriali per il riconoscimento dello status di rifugiato e collabora con il Movimento Dehoniano Europeo Onlus di Napoli.
Dalla sua vicenda come “clandestino”, comune purtroppo a tanti altri, nascono le poesie di "L’alba arriva per tutti", che rappresentano non soltanto uno squarcio di vita vissuta e riflessioni di un’animo sensibile, ma anche un’importante testimonianza sul tema dell'immigrazione e dell’integrazione.
Dopo aver partecipato a varie iniziative in favore degli stranieri nel nostro Paese, Felix presenterà il suo libro il 12 giugno a Gaeta presso la pinacoteca (ore 18.30), mentre il 13 giugno sarà a Tivoli alle 17.30 presso le Scuderie Estensi.
Vi lascio con alcuni suoi bei versi...

Sotto l’angoscia degli eventi 
in fondo al rovente corpo annerito
con le lacrime di un dolore pellegrino, 
vivo ancora
e non so perché.

Vorrei dedicare la mia vita 
a rendere speciale quella dei
bimbi
che muoiono di fame
e delle anime
in carenza
di cuore. 
Se no, che vivo a fare?

Commenti

  1. Ha saputo volgere in positivo (la poesia), un'esperienza che segna...bravo!

    RispondiElimina
  2. oddio la poesia no...
    ci provai e mi pregio del fatto d'aver vinto qualche concorso, ma ero una ragazzina, ed oggi tutto sarebbe differente... le mie emozioni le sentirei reticenti... boh mi sento più portata per la prosa... che poi lo sai, manco per quella mi sento il top!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sembri una ragazzina così potenziata ... ma poi hai sempre quel timore di sbagliare tutto. si capisce che è sempre tuo dire: " no, non ce la farò mai". in questo modo non ce la farai MAI. un pò di grinta ci vuole!!!! :)
      ora ti dedico un articolo che ho scritto in passata, magari, riesci a "raddrizzarti":)

      Oh. Non sono una donna, beh, neanche un uomo. <- ( forse qui vi drammatizzo).
      Ma una ragazzina. Una comunissima e noiosissima ragazzina di città. Stessa scuola, stesse noie, stesse litigate, stessa giornata e stessi sogni. Ma i sogni non appaiono così, puff, fatto. A meno che tu non sia una milionaria o l’erede di un patrimonio.
      Oh no, i sogni si sudano. Ma mettersi in testa un traguarda e poi sapere che, tanto, non ce la farai mai, oh, allora sì, non lo raggiungerai. Se vuoi qualcosa, DEVI ottenerlo o almeno ci DEVI provare. Questo, però non vuol dire diventare testarda, ma ambiziosa.
      Un sogno, È un qualcosa che sai, di certo, che realizzerai. Beh, ma sai anche che dovrai, obbligatoriamente, oltrepassare le difficoltà.
      E scoraggiarsi davanti a una di queste vuol dire cancellare il traguardo.
      E sai anche che se metti TUTTA TE STESSA ce la FARAI, stanne certa.
      Per ora saranno solo sogni, poi traguardi e infine realtà. REALTà …
      Forse avrai sentito queste parole tante volte, ma son sempre quelle,
      basta capirne il significato e non ti sembreranno più solo parole.

      Elimina
    2. scusami, forse ti ho offeso? ma non voglio farti capire male. le mie intenzioni erano quelle di incoraggiarti un pò. :) e spero che non ti sei arrabbiata. mi potresti rispondere?
      :)

      Elimina

Posta un commento

Ogni contributo è prezioso, non dimenticarti di lasciare la tua opinione dopo la lettura.
Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi ricevere una notifica per e-mail con le risposte, metti la spunta su "inviami notifiche".
(Ti prego di non inserire link o indirizzi e-mail, altrimenti sarò costretta a rimuovere il commento. Grazie!)