Non fidarti della notte


Non fidarti della notte è il mio ultimo romanzo, uscito a marzo 2021.

 Chi volesse acquistarlo, trova in esclusiva su Amazon le due edizioni:

L'ebook è inoltre disponibile gratuitamente per chi ha l'abbonamento Kindle Unlimited.

Chi volesse leggere gratuitamente i primi capitoli, può scaricare il pdf, oppure sfogliare l'anteprima di Amazon. Potete leggere un estratto del primo capitolo anche da qui: Biblioteca di Writer Officina

Recensioni:



Trama

“Ho bisogno di te, c’è stato un crimine”. Con una telefonata, Dalia viene catapultata nel passato. A chiederle aiuto è Gabriele, il suo ex marito, un uomo problematico e disturbato, che non sentiva da anni.
Pur combattuta, Dalia accetta di incontrarlo e scopre che una donna è stata uccisa nel quartiere storico dove vive Gabriele. Un delitto che più volte lui ha visto in ogni particolare durante i suoi sogni.
Dalia però conosce a fondo i disturbi psicologici di Gabriele e non può fare a meno di sospettare che sia coinvolto nel crimine. E ben presto anche la polizia sembra decisa ad accusarlo di omicidio.
Nonostante i dubbi sulla sua innocenza e i fantasmi del passato che continuano a tormentarla, Dalia decide di aiutare Gabriele e si mette alla ricerca della verità. Fino a scoprire di essere pronta a tutto pur di scagionarlo, anche a rischio di mettere in pericolo se stessa.

Una voce dal passato. E l’incubo ha inizio
IN VENDITA SU AMAZON
Prezzo ebook: 2,99 €
Prezzo cartaceo: 9,90 €
GRATIS con Kindle Unlimited




Incipit

Erano quattro anni che non ascoltavo la sua voce. Mi ero illusa di averla dimenticata, ero convinta che non mi avrebbe fatto mai più effetto. Invece, bastò un solo istante perché il mio mondo andasse in frantumi. 
La telefonata arrivò un sabato sera, mentre mi preparavo per uscire. Ero in bagno a truccarmi quando udii gli squilli e mi precipitai all’ingresso dove avevo lasciato il cellulare. Il display segnalava un numero che non conoscevo. «Pronto?», risposi un po’ trafelata. 
«Dalia». Il mio nome, appena sussurrato. 
Riconobbi subito la voce di Gabriele. Come avrei potuto scordarla? Che sciocca ero stata a crederlo possibile.