Passa ai contenuti principali

Scrivere una storia è come coltivare una pianta


Come va, amici? Sopravvissuti alla prima tranche di festività?

Oggi sono qui per segnalarvi il mio articolo del numero di dicembre 2017 di 22 Pensieri dal titolo Scrivere una storia è come coltivare una pianta, per il quale mi sono ispirata a un'idea di qualche tempo fa (Coltiva la tua scrittura!), quando accostavo l'attività della scrittura alla coltivazione di un giardino.

Trovate le mie riflessioni nel numero 16 della rivista che vi ricordo è realizzata da Chance Edizioni e disponibile online gratuitamente.
Quando l’idea per una nuova storia nasce dentro di me, la sensazione che ho è quella di un seme che comincia a germogliare. È una percezione piacevole, elettrizzante, ricca di promesse e potenzialità, che mi fa pensare alla scrittura di un romanzo o di un racconto come a un’attività molto simile alla coltivazione di una pianta. Sì, dedicarsi alla narrativa è per certi versi paragonabile al giardinaggio. E proprio come per l’arte di coltivare le piante è importante sapere cosa stiamo facendo se vogliamo ottenere un bel giardino, così è anche per la scrittura, se intendiamo dar vita a un’opera di qualità.
Prima di tutto, abbiamo bisogno di un terreno fertile perché i nostri semi attecchiscano. Dobbiamo preparare il campo della nostra storia con la lettura, che fornisce un valido nutrimento per le idee e per i testi.

Commenti

  1. Bellissimo questo paragone pianta-scrittura; è uscito fuori tutto l'animo di carta che ti rappresenta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nadia! Non è che poi io sia così ferrata in giardinaggio, ma credo che sia un'attività per certi versi molto simile alla scrittura.

      Elimina
  2. Grazie. Mi andrò a leggere anche gli altri tuoi articoli. Buone feste!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Tiziana, per l'interesse. Ricambio gli auguri!

      Elimina
  3. Quindi ogni libro/racconto/storia una piantina! Vale anche il detto che l'erba del vicino è sempre la più verde? :D

    RispondiElimina
  4. Meno male male che ho il pollice verde 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah vedi che le due cose vanno di pari passo? :D

      Elimina
  5. Analogia molto interessante, scrivere una storia significa far crescere qualcosa prendendosene cura, in questo caso una piantina rende perfettamente l'idea...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, a me capita di vedere sempre di più le storie come qualcosa di delicato, da far crescere giorno dopo giorno...

      Elimina
  6. Vado sicuramente a curiosare sperando di fare "germogliare" anche la mia mente inaridita :-D
    Buon anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon anno anche a te, Ariano! Vedrai che tornerà a germogliare la tua creatività, dopotutto anche la natura si prende i suoi periodi di riposo.

      Elimina
  7. Come al solito un articolo ben scritto, brava! L'esempio che hai fatto è molto appropriato per i termini con cui l'hai paragonato. E viene ricordato anche facilmente, per poi poterlo, a suo tempo e modo e maniera, applicarlo.

    In poco spazio hai sintetizzato cose molto importanti e profonde. Di nuovo ben fatto!

    Ti saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Pietro. Ne avevo già parlato tempo fa qui sul blog, ma avevo ancora voglia di approfondire il paragone.

      Elimina
  8. Molto riuscito questo accostamento scrittura-giardinaggio. Ti faccio tutti i miei auguri per una buona fine dell'anno in corso e un ottimo anno nuovo. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ricambio di cuore gli auguri per una felice conclusione e un buon inizio del nuovo anno. Ci siamo quasi!

      Elimina
  9. Confesso di non riuscire a leggere l'articolo per questioni di tempo, tuttavia mi riprometto di farlo il prossimo anno ;). Certo l'accostamento della costruzione di una storia con la coltivazione di una piantina è molto azzeccata con la sola eccezione: la piantina vedi subito se gode di buona salute e puoi porvi rimedio, la storia te ne accorgi forse verso la fine occupato come si è a svilupparla, penso.
    BUONA FINE E FELICE INIZIO D'ANNO A TUTTI A COMINCIARE DALLA PADRONA DI CASA, AUGURI MARIA TERESA.
    Grazie
    Rosario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione, Rosario, non ci avevo pensato ma hai ragione. Per guardare alle nostre storie in modo obiettivo abbiamo bisogno di un certo distacco, che si acquista solo con il tempo e il più delle volte a storia finita.
      Auguro anche a te un buonissimo anno nuovo (e naturalmente anche una felice conclusione di quello ancora in corso)!

      Elimina
  10. Ciao Maria Teresa;
    Ho visto adesso il tuo articolo per la rivista!
    Complimenti per la bella similitudine e per le belle parole!
    A presto,
    Sharon.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sharon, grazie mille per il tuo apprezzamento! A presto :)

      Elimina
    2. Apprezzamento meritato, credimi!
      Un abbraccio e a presto!

      Elimina

Posta un commento

Ogni contributo è prezioso, non dimenticarti di lasciare la tua opinione dopo la lettura.

Se vuoi ricevere una notifica per e-mail con le risposte, metti la spunta su "inviami notifiche".

Ti prego di non inserire link o indirizzi e-mail nel testo del commento, altrimenti sarò costretta a rimuovere il commento. Grazie!

Info sulla Privacy

Policy Privacy di Google per chi commenta con un account Blogger o Google+