Passa ai contenuti principali

Il famigerato codice ISBN

Questo post è stato scritto da Emiliano Giuseppe Pratici, che ringrazio per il suo intervento. Potete conoscere qualcosa di lui nel riquadro alla fine dell'articolo.


Salve a tutti,
intervengo in questo BLOG, su gentile concessione della proprietaria, per esporre una mia “scoperta” in merito al codice ISBN.
E' credenza diffusa, almeno in innumerevoli guide presenti nella rete, che tale codice possa essere richiesto solo da un editore; si può affermare che tale credenza sia corretta solo dopo aver risposto alla più banale delle domande: posso essere editore di me stesso? (Posso quindi ricevere codici ISBN e relativi codici a barre senza il supporto di un editore?)
Partiamo con ordine però in modo da non generare confusione nelle menti dei giovani scrittori, spesso intraprendenti ma sprovveduti (non ne abbiano a male ^.^)

Che cos'è il codice ISBN?
Per rispondere a questa domanda attingerò dal sito www.isbn.it. “E' un numero che identifica a livello internazionale in modo univoco e duraturo un titolo o una edizione di un titolo di un determinato editore”.
E' indispensabile avere tale codice in caso di self publishing?
La risposta è no! Molti servizi dedicati metteranno a disposizione, a pagamento o gratuitamente, un determinato codice per il vostro prodotto.
Non dimenticate: un codice deve essere utilizzato per la versione cartacea e uno per quella formato ebook del vostro amato manoscritto.
Posso essere editore di me stesso?
Certo che sì.
Andando sul sito www.isbn.it e premendo sull'opzione “adesione”, in alto a destra, avrete la facoltà di poter registrare un vostro marchio e di essere l'editore dei vostri racconti, usando in seguito il servizio di self publishing a voi più congeniale.

La procedura da seguire è molto semplice, rispecchia il format di registrazione di molti siti web presenti nel panorama nazionale.
I costi, nel caso decidiate di intraprendere questa strada, saranno contenuti. Con € 75,00 (+ Iva 21%) riceverete, dopo 15 giorni lavorativi, n° 10 codici ISBN.
Avrete la facoltà inoltre di tramutare i codici che man a mano utilizzerete in Codici a Barre con un costo di € 9,50 (+ Iva al 4%) per ogni codice che deciderete di trasformare.
Questi codici non avranno mai scadenza, conseguentemente quelli inutilizzati potranno essere adoperati in vostre opere future.

Tale procedura vi eviterà alcune situazioni che potrebbero rallentare un plausibile lancio del vostro lavoro; ad esempio pubblicando con il famoso www.lulu.com riceverete un codice ISBN ma sarà internazionale.
Per tale ragione, nell'improbabile ipotesi in cui un vostro estimatore si rechi in una qualunque delle librerie nazionali, sarà difficile da reperire.

Spero di aver reso un buon servigio alla comunità e mi auguro, in un futuro lontano lontano, di poter apporre i codici che acquisterò su uno dei miei racconti fantasy.
Emiliano Giuseppe Pratici

L'AUTORE DI QUESTO GUEST POST Questo articolo è stato scritto da Emiliano Giuseppe Pratici, Tributarista e Agente Unipol Assicurazioni. Nato il 26/01/1976 e residente nella “Lunigiana Inondata”, è co-amministratore del sito www.webtribe.it e amministratore del sito www.alluvionelunigiana.it.
Grande amante del fantasy.

Se vuoi scrivere anche tu un post per questo blog, leggi qui le linee guida per inviare il tuo contributo.

Commenti

  1. Molto utile davvero, grazie. Io prima di Natale pubblicherò il mio primo e-book. Avevo pensato in ogni caso di prendere un codice ISBN. Lo produco da sola, i sw. in circolazione sono facili da usare. Pensavo di andare in parallelo sulle piattaforme Amazon e Apple. Consigli altri marketplace?

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Giorgia, dalle ricerche che ho fatto credo che la tua scelta sia la migliore. Quando avrò finito il mio fantasy, ovvero mai, adotterò la medesima strada e mi appoggerò per il cartaceo a un servizio stile "lulu". (sto ancora valutando l'offerta migliore)
    Dopo che avrai pubblicato illustraci la tua esperienza; è solo attraverso l'esperienza di tutti che potremmo sperare in un futuro migliore. (a livello editoriale intendo)

    Perdonami infine ma non so cosa siano i sw.

    RispondiElimina
  4. perdona tu, sw. sta per software, mi riferivo alle applicazioni di e-publishing per la produzione di e-book. A presto xo

    RispondiElimina
  5. Sento spesso parlare bene di Narcissus, non so se qualcuno di voi ne ha fatto esperienza in prima persona... Come dice Emiliano, condividere le esperienze è fondamentale!

    RispondiElimina
  6. Credo che, una volta ottenuto il codice ISBN nazionale (e relativo codice a barre), la soluzione migliore sia quella indicata da Giorgia per quanto concerne la versione elettronica.

    Per quella cartacea, invece, il migliore come guadagno sembrava, quando le analizzai, lulu.

    Devo ancora studiare come inserirla su amazon e apple assieme a quella elettronica.

    Spero che Giorgia, essendo più avanti di me, riesca ad illuminarmi. ^.^

    RispondiElimina
  7. Mi sono sempre chiesta: un libro senza codice ISBN è commercializzabile? Personalmente fino a poco tempo fa credevo che una libreria potesse vendere solo libri con tale codice, ma poi mi è capitato di acquistare un libro presso un libreria (piccola) dove il codice non c'era proprio...
    Insomma, con editore o senza, il codice ISBN è proprio necessario?

    RispondiElimina
  8. Non non è necessario, nel senso di indispensabile.
    E' semplicemente "consigliabile", vista l'esigua spesa (riportata sopra); ancor più esigua se rapportata al grande sforzo necessario per produrre il vostro racconto.

    Chiaramente con un codice ISBN il vostro racconto verrà trovato celermente da ogni libreria italiana. ^.^

    RispondiElimina
  9. Di Narcissus non mi poace l'impostazione contrattuale. Di fatto diventano una casa editrice, i diritti non sono più nelle tue mani. Puoi disdire il contratto quando vuoi, mi pare 15 giorni di preavviso, e questo mitiga un pò sta cosa. Consiglio però a tutti di uscire dall'Italia, almeno quando si tratta di eBook, e anche per un sacco di altre cose che qui sarebbero OT.
    In breve:

    Smashwords: leader incontrastato per tutto ciò che non è Amazon, chiede il 40% del prezzo di copertina, ma sei su tutti i markerplace no Amazon del mondo. Se segui questa strada in parallalo ti autopubblichi anche direttamente su Amazon: è facilissimo a partire da un testo formattato in html.

    Bookbaby: ti produce su tutte le piattaforme e tutti i marketplace digitali del globo, prende 150/250$ per la produzione e una una tantum di 99$ per ogni volume (quindi se hai fiducia in te stesso investi 349$ e nelle tue vendite vai tranquillo su BookBaby)

    Red Staple & Folium ti realizzano per poche decine di Euro i formati tutti i formati eBook di cui hai bisogno, ma poi sui marketplace li devi gestire in prima persona (la scelta personalmente mi piace)

    L'elite usa il nuovissimo tool della Apple per produrre eBook per iPad. E' grtatuito ma bisogna possedere un Mac!

    Il futuro però è Sourcefabris, tutto gratis, per ora gira soltanto su piattaforme Linux (quindi io per esempio sono fregata)

    Cosa farò io... non lo so, sto ancora studiando queste e altre soluzioni:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le info, Giorgia. Sembra che davvero le possibilità non manchino, si tratta solo di capire cosa fa il caso nostro. Di certo non piacciono neanche a me soluzioni troppo vincolanti, anche perché in questo modo verrebbe meno il vantaggio di gestirsi da soli.

      Elimina
  10. Giorgia se, durante gli studi dei software e dei servizi offerti, scrivesti una guida su tale argomento te ne sarei molto grato.

    Grazie delle informazioni; unica cosa: la pubblicazione su amazon impone di non pubblicare il medesimo prodotto per 90 giorni su altra piattaforma. Devo comunque finire di leggere il contratto.

    ^.^

    RispondiElimina
  11. Davvero molto interessante. Per gestirsi da soli, però, servono tempo e il giusto carattere, due cose che mi mancano. Per il momento continuerò a cercare di battere vie più tradizionali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La penso come te, al momento. Essere indipendenti è una gran cosa, ma implica di certo molto impegno e un determinato modo di essere... Ci vuole coraggio e io ammiro molto chi prende questa strada.

      Elimina
    2. Credo che il coraggio sia tutto ciò che ci rimane, in questo mondo.
      Capisco comunque i diversi caratteri; un giorno, forse, ci troveremo tutti dalla medesima parte del fiume. (giù per la cascata O.o - è solo una battuta)

      Cordiali Saluti

      Elimina
  12. Belli questi post, ringrazio tutti quelli che hanno partecipato. Io mi sto autoproducendo (per ora sono su Lulu) e in effetti mi sono accorta del problema dell'isbn: un libro con isbn di lulu può essere venduto solo su Lulu e su Amazon tramite la distribuzione extended reach che non costa nulla (la global reach costa 57 euro).
    Quindi niente ibs, niente ebay e no a tutti i siti che vendono libri on-line
    D'altronde prendere un codice isbn italiano e arrangiarsi in toto è complicato, devo studiare se ne valga la pena; so che poi bisogna spedire delle copie alle biblioteche nazionali di Firenze e Roma (o Milano? E' ancora cosi?) Senza contare che per il solo fatto di essermi presa un isbn italiano, comunque non finisco nei grandi canali di distribuzione italiani (ibs per capirci). Mi devo appoggiare a un POD e siamo d'accapo: devo usare POD stranieri (ad es. Il mio libro.it dà il suo isbn) e qui in Italia siamo provinciali, la gente fa fatica ad acquistare da POD esteri (è la mia esperienza).
    D'altronde, appoggiandosi ai canali italiani hai la sicurezza matematica che non vedrai un euro (scriverò prox un post sul fatto che gli editori italiani non pagano i loro autori), quindi che fare?
    Sto ancora cercando di chiarirmi le idee. Sento di autori che si appoggiano ad Amazon e, facendosi pubblicità da soli, vendono bene. Anch'io poi nutro stima per la Apple e il suo store: mi pare che da Amazon ci si possa spostare anche sullo store della Apple. Sto studiando questa possiblilità
    Teniamoci in contatto
    Elisabetta

    RispondiElimina
  13. Certo, mi farebbe molto piacere rimanere in contatto.
    Personalmente sono registrato sul sito e al momento, quello dell'ordine intendo, non mi viene fatta nessuna richiesta di invio.

    Quando finirò il racconto, tra molto, molto tempo, ti saprò dire.

    Quando hai pubblicato, se puoi e vuoi, tienimi aggiornato.

    Grazie ^.^

    RispondiElimina
  14. ringrazio per la ricchezza di questo Blog
    mi sto rimettendo su l'unico romanzo iniziato della mia vita e i tuoi conosigli sono utilissimi!
    Mi sto spulciando tutto e magari avrai già risposto al seguente quesito ma lo propongo lo stesso:
    Come posso conservare i diritti d'autore su un mio scritto anche se non lo pubblico? mi spiego: mando in giro il pdf del mio romanzo a vari interessati: come faccio ad evitare che lo pubblichino spacciandolo per loro? o farne usi diversi senza mia autorizzazione?

    grazie per un eventuale risposta o dritta
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marco per il tuo commento! In merito alla tua domanda, io ho trovato molto utili i consigli riportati su questo sito: http://www.creativecommons.it/node/607#5
      Tra i metodi citati, credo il più semplice ed economico sia quello di auto-inviarsi il manoscritto con raccomandata con ricevuta di ritorno. Inoltre, secondo me è meglio non mandare mai il testo completo, ma una sinossi con alcuni estratti, e solo in un secondo tempo tutto il romanzo, sopratutto se non sei sicuro della serietà dei destinatari.
      Ciao!

      Elimina
    2. grazie!! mi sei di grande aiuto in questo momento! tra blog e dritta di cui sopra fai sparire un po di problemi che mi avevavo bloccato per la stesura del romanzo! mi sto leggendo tutto! grazie ancora!

      Elimina
  15. salve volevo sapere se isbn di amazon o altri può essere usato per concorsi pubblici. grazie

    RispondiElimina
  16. Direi proprio di sì per quanto riguarda Amazon, degli altri non so cosa intendi.

    RispondiElimina
  17. Ciao a tutti! Wow, credo che questo sia uno dei migliori blog di scrittura che fin'ora ho visitato. Complimenti!
    Ho avuto la super-fortuna di pubblicare il mio primo libro con una casa editrice abbastanza seria, ma vista la crisi diffusa vorrei proseguire anche per conto mio e sto valutando l'autopubblicazione tramite Amazon.
    Mi avete schirito qualche nube che avevo in testa: quindi questo famigerato codice isbn è utile, ma non necessario, e mi sembra di capire ancor meno se si pensa ad una pubblicazione esclusivamente e-book. Giusto? Quello che forse mi è sfuggito e sto cercando di capire: Amazon offre un proprio codice? Ho sentito parlare di codice ASIN. E' forse quello? Io comunque nel frattempo continuo la mia ricerca, caso mai mi rispondo da sola e vi faccio sapere cosa trovo di interessante.
    Saluti a tutti e good luck!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il codice ASIN è quello attribuito gratuitamente da Amazon (sia su Createspace che su Kindle direct publishing, rispettivamente per il cartaceo e per gli ebook).
      Il codice ASIN, per chi pubblica in Italia, non comporta la registrazione negli elenchi ufficiali delle pubblicazioni e, di conseguenza, una libreria tradizionale non potrà ordinare il tuo titolo.

      Secondo me se si è esordienti non ha senso acquistare un ISBN. In quanti andranno in libreria a chiedere del titolo di Pinco Pallino? Più facile che cerchino su Amazon :)

      Elimina
    2. Grazie per le tue spiegazioni, Alessandro.

      Elimina
  18. Grazie infinite, che meraviglioso complimento! Immeritato, ma meraviglioso :)
    Non so quanto posso aiutarti su quello che chiedi, perché non ho ancora pubblicato niente con Amazon, spero che qualcun altro ti risponda qui... Anzi, se scopri di più fammi sapere. Ciao!

    RispondiElimina
  19. Ciao. Ok, fino alla pagina dell'agenzia ISBN c'ero arrivato da solo. Anche al format adesione. Ciò che mi chiedo, anzi ti chiedo, se ne hai informazioni, è la seguente domanda: Per l'attribuzione del codice, o addirittura i dieci codici di cui hai scritto, l'agenzia pretenderà di analizzare i contenuti, il formato, il numero delle pagine e tutte quelle altre formalità che di solito vengono richieste dalle editrici on line, oppure se ne fregano? Grazie per una eventuale risposta. PS. Se fino adesso non ho cercato di ottenerlo è perché sono un "anarchico del web" e in caso di risposta affermativa, la cosa non fa per me. Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco, io non so risponderti, spero che l'autore del post si faccia vivo e sappia darti qualche informazione. Da quello che so, poi, le regole sul ISBN sono cambiate rispetto a quando è stato scritto questo articolo.

      Elimina
    2. Sono nuova del sito e nuova anche nello scrivere. Ho finito di scrivere il mio primo libro, che ho stampato privatamente anche perchè avendo scoperto questa mia propensione in tarda età,non ero sicura ne valesse la pena. Ora però sto ristrutturando i file del mio libro x inserirlo come ebook su Amazon,visto che per ora è gratis.Su Amazon il codice ISBN è facoltativo. Scusate la mia "ignoranza"in merito, ma sto imparando un po' tutto x quanto riguarda le "regole" fiscali dell'autopubblicare. Volevo sapere se è il caso secondo la vostra esperienza, di acquistare un codice ISBN x l'ebook su Amazon.Nel caso volessi acquistarne uno anche x l'edizione cartacea e poterlo così proporre in ambiti interessati all'argomento, basta lo stesso codice ISBN che mi viene dato per l'edizione cartacea, da mettere su tutte le copie? Nel qual caso va attaccato sulla copertina ? Grazie. Paola

      Elimina
    3. Ciao Paola. Se pubblichi l'ebook, puoi fare a meno di comprare il codice, perché te lo forniscono gratis gli store come Amazon o Kobo. Il caso del cartaceo è diverso. Io ho pubblicato un'edizione cartacea con CreateSpace che mi ha fornito un ISBN, ma è valido solo per la vendita su Amazon. Se vuoi una distribuzione più ampia hai invece bisogno di acquistarne uno.

      Elimina
  20. Grazie Maria Teresa, non speravo di avere una risposta così presto, viste le festività. Cmq grazie anche perchè sei stata molto chiara.Auguri per il nuovo anno che porti a tutti ogni bene. paola

    RispondiElimina

Posta un commento

Ogni contributo è prezioso, non dimenticarti di lasciare la tua opinione dopo la lettura.
Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi ricevere una notifica per e-mail con le risposte, metti la spunta su "inviami notifiche".
(Ti prego di non inserire link o indirizzi e-mail, altrimenti sarò costretta a rimuovere il commento. Grazie!)