Passa ai contenuti principali

Come un dio immortale - Estratto #6


Dopo una settimana in balia dell'influenza, vorrei soprattutto scusarmi per i vari messaggi e commenti a cui non ho ancora risposto, mi auguro di farlo il prima possibile, appena mi sarò ripresa un po'.

Nel frattempo, per l'appuntamento domenicale con gli estratti dal mio ultimo romanzo, vi presento questo brano tratto dal capitolo 8. Si tratta di uno dei flashback presenti all'interno della storia, quindi ci allontaniamo dalla linea temporale principale e dal protagonista per conoscere per la prima volta un luogo ai confini tra due mondi, Valdiluna.
Più sotto troverete il brano esteso.

Colgo anche l'occasione per segnalarvi due recenti recensioni al romanzo. La prima è comparsa su Cultura al femminile, scritta da Caterina Stile; la seconda è di Mattia Loroni, che ha dedicato a Come un dio immortale un post sul suo blog Hand of Doom. Ringrazio entrambi per le approfondite analisi e per aver sottolineato così bene alcuni aspetti del libro.

Buona domenica!

Carla vide che Tommaso aveva tolto gli occhiali scuri, rivelando occhi nerissimi e leggermente a mandorla, ma così limpidi che lei aveva l’impressione di potervi passare attraverso con lo sguardo.
«Vorrei che tu fossi accanto a me in questo progetto, Carla».
Lei inclinò la testa con aria interrogativa. «Non credo di capire».
«Ciò che ti mostrerò ti aiuterà a comprendere. Ti farò attraversare il confine tra il nostro mondo e quello incorporeo. In questo posto è molto facile farlo». Carla rimase muta. La sua coscienza era troppo ovattata per riuscire perfino ad aprire la bocca. Anche i pensieri si componevano a fatica, come se fossero divenuti più densi.
Tommaso le prese le mani e le avvolse nelle sue con gentilezza. «Sei pronta?».
Lei si attardò a scrutare il suo volto, mentre l’aria fresca le spazzolava i capelli. Infine, annuì.

Commenti

  1. Sono contenta che tu abbia superato l'influenza, quest'anno è stata parecchio pesante, molti della mia famiglia sono stati colpiti, toglie davvero le forze! Buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Superato è una parola grossa, ma comunque il peggio è passato. E' vero, ti toglie un sacco di energie e ti lascia a pezzi. Spero di recuperare il prima possibile. Un abbraccio, Giulia!

      Elimina
  2. "Ti farò attraversare il confine tra il nostro mondo e quello incorporeo. In questo posto è molto facile farlo."
    Si chiama palestra, e lui è il personal trainer?? :D
    (battuta da peaker... questa settimana ci stiamo tutte lamentando dell'allenamento chiamato "to Hell and back" Nessuna di noi è ancora tornata! ;) )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha Beh, in realtà ci sei andata vicina, visto che Tommaso è proprio una sorta di coach, anche se non fisico :)
      Mamma mia, il titolo dell'allenamento è già tutto un programma...

      Elimina
  3. Anche tu con l'influenza... credo che quest'anno siano scampati in pochi. Con un po' di pazienza e di riposo spero che presto saremo tutti in energie per goderci i primi segnali di primavera. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speravo proprio di essermela scampata quest'anno e invece... Sì, speriamo di recuperare in tempo per la primavera, ora come ora sto sognando un po' di caldo e di belle giornate!

      Elimina
  4. Mi piace molto questo brano. Sono sicura che al di là di quel sentiero ci porterai in una storia mozzafiato. Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elena, a questo punto buon inizio di settimana a te! In effetti quel sentiero è un po' l'inizio di tutto... Per ora non aggiungo altro, perché qui siamo proprio nel cuore della storia ;)

      Elimina
  5. Ancora una volta le immagini si sposano perfettamente al brano scelto e portano là dove solo la mente durante la lettura ha condotto.
    Arrivo sul finire della domenica, ma arrivo, buona guarigione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Nadia. Sai che sembrava un'immagine facile da scegliere (che ci vorrà mai a trovare la foto di un luogo di montagna, mi ero detta), invece non ero mai soddisfatta, come se le immagini non fossero mai all'altezza dell'idea che mi ero fatta del posto. Questo è lo squarcio che più si avvicinava alla mia idea mentale :)

      Elimina
    2. Facile direi proprio di no. In effetti si trovano facili i paesaggi ma meno i dettagli desiderati e tu ti sei superata!

      Elimina

Posta un commento

Ogni contributo è prezioso, non dimenticarti di lasciare la tua opinione dopo la lettura.

Se vuoi ricevere una notifica per e-mail con le risposte, metti la spunta su "inviami notifiche".

Ti prego di non inserire link o indirizzi e-mail nel testo del commento, altrimenti sarò costretta a rimuovere il commento. Grazie!

Info sulla Privacy

Policy Privacy di Google per chi commenta con un account Blogger o Google+