Passa ai contenuti principali

In primo piano

Roberto Tozzini presenta “Marta dai larghi occhi”

Oggi vi propongo una nuova presentazione dalla “voce stessa dell'autore. Si tratta del romanzo “Marta dai larghi occhi” e ce ne parla Roberto Tozzini.

12 tipi di scrittori su Facebook

Foto di tutte le immagini del post: Pixabay

In questo post politicamente scorretto, troverete alcuni esemplari di scrittori che bazzicano Facebook. Se vi riconoscete in uno di questi profili, non prendetevela con la sottoscritta, ricordate che è solo per sorridere un po'.

L'incompreso-lagnoso

Si lamenta di tutto. Recensioni negative, problemi con le piattaforme, scarse vendite, concorrenza. Non vende una copia e deve farlo sapere a tutti ogni santo giorno. Convinto che nessuno lo capisca, è fermamente sicuro di essere superiore alla fuffa in cima alle classifiche.


Il maestrino (più spesso la maestrina)

Ama bacchettare gli altri autori quando sbagliano, sottolineare gli errori sui libri, postare screenshot di refusi (di case editrici o self publisher, poco importa).



Il super autore

Si vanta della montagna di copie vendute e festeggia con un mega screeshot ogni volta che un suo libro scala la classifica di Amazon.



Il cronista

Fa la telecronaca in diretta di ogni pagina scritta, corredando ogni progresso con una foto delle stampe del manoscritto o una schermata del programma di scrittura. Quando non scrive, posta impressioni su paesaggi, scene di vita vissuta, persone che incontra.



L'amorevole rompiballe

Augura il buongiorno e la buonanotte con un'immagine del suo libro. Con tanto di cuori e fiorellini in ogni post. Distribuisce a destra e a manca like e affini, nella speranza di venire ricambiato. Quando non è d'accordo su qualcosa, lo dice facendo abbondante uso di smile e bacini.



L'autoreferenziale

Ha un talento naturale: riesce a parlare sempre e comunque di sé e dei suoi libri. Qualunque sia l'argomento che gli altri propongono, trova il modo di infilarci un commento menzionando un suo libro. Io lo ammiro, sul serio.



Lo stagionale

Non si fa vivo per mesi, per ricomparire non appena esce un suo libro. E giù con la promozione a pioggia, like e commenti a tutti. Per poi eclissarsi di nuovo dopo un po'.



Il timido-fantasma

A differenza dello stagionale, lui c'è ma non si vede. Posta poco, di rado commenta, qualche volta si esprime con like e affini. Un tipo distaccato, probabilmente molto occupato a scrivere libri. Comunque, non ama mescolarsi con la folla social.



L'impegnato

Parla forbito, commenta ogni notizia, soprattutto politica o di cronaca. Ha sempre un'opinione su tutto. Ama elargire ad ampie mani le sue perle di saggezza.



Il prezzemolo in ogni minestra

Partecipa a mille gruppi, fa centoventi interviste ogni mese, commenta tutto, frequenta fiere e presentazioni. Trova pure il tempo per promuovere i libri altrui. Ci chiediamo come faccia a essere sempre ovunque.


Il perseguitato

Quello che è sempre oggetto di qualche congiura. Ogni recensione negativa è opera di un hater. Tutti ce l'hanno con lui/lei. Pure Facebook che ogni tanto lo blocca.



Il venditore porta a porta

Anzi profilo a profilo. Il classico spammone, contatta i suoi amici uno per uno per proporre le sue opere. Sui gruppi pubblica con precisione ogni volta che può. Nei messaggi privati, ti fornisce anche il suo IBAN.




Ditemi, avete mai incontrato uno di loro? O magari siete uno di loro?

Commenti

  1. Sono io! Sono io! IL SUPER AUTORE! Sono io! :-D
    Ma più probabilmente sono il TIMIDO-FANTASMA (aspetta che vado a rituffarmi nella scrittura, ti farò sapere fra qualche mese…) :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah :D Infatti non sei iscritto a Facebook o sbaglio? Magari sei in incognito... :P

      Elimina
  2. Risposte
    1. Wow! Ora sono super curiosa di sapere quali... ma immagino non lo dirai neanche sotto tortura :D

      Elimina
  3. Anche io mi rivedo tra diversi tipi di scrittore, o meglio: ho messo in atto a volte i comportamenti di diverse delle categorie che descrivi. Ma non lo faccio spesso, e quando capita di solito lo faccio con molta autoironia: forse è questa la via migliore, non esagerare coi propri comportamenti e non prendersi troppo sul serio ^_^ .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono più che d'accordo, bisognerebbe evitare di prendersi troppo sul serio. Chissà, magari adottare i vari atteggiamenti in modo ciclico può essere un'idea alternativa :D

      Elimina
  4. Post fantastico dove ho riso tantissimo e sono ancora indecisa su dove classificarmi. Ne prendo atto comunque di autori perfetti non ne esistono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nadia, mi fa piacere! No, la perfezione non esiste, ma forse già restare lontani da queste categorie eccessive non sarebbe male ^_^

      Elimina
  5. Io sono un po' autoreferenziale, ma ormai ci vado poco su facebook...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che siamo un po' tutto autoreferenziali su Facebook, diciamo che è abbastanza normale. A giudicare dal tuo blog, però non mi sembra che tu lo sia poi tanto. Su FB non lo so :)

      Elimina
  6. Anche se non sono su Facebook mi rivedo nel timido-fantasma e nello stagionale, diciamo che sono un fantasma stagionale per quel che riguarda i lati positivi, nel senso che ci sono ma mi si vede poco, non direi distaccato però. Infatti provo a mescolarmi e non essere distaccato, a scrivere più di quanto faccia promozione. Come sai mi limito anche nei commenti e quasi quasi questo stavo per non scriverlo ;-) Ogni tanto è bello sorridere un po', brava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto, ti ho stanato! Ma ti capisco, io pure ho la stessa tendenza. Grazie per l'apprezzamento ^_^

      Elimina
  7. Che simpatico post! Con la dovuta ironia mi sono ritrovata in più di un profilo tra quelli da te tratteggiati. E ne ho riconosciuto molti. Sembra quasi una guida su come uno scrittore NON dovrebbe stare su Facebook :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Elena! Eh già, sono tutti profili un po' eccessivi, ma io pure ne conosco parecchi che rientrano in pieno. Senz'altro non ne sono neppure consapevoli...

      Elimina
  8. Io mi ritrovo nella "maestrina" e nell'"impegnato". :D
    Mi piace questo ironico post, con tanto di immagini... perfette!
    Però voglio sapere in quali di questi ti riconosci tu. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, aggiungo che ne ho incontrati almeno tre di quei profili! :D

      Elimina
    2. Sono contenta che ti piaccia! Difficile risponderti... A volte mi vedo come una timida-stagionale, nel senso che vado proprio a periodi. Insomma spesso sento l'esigenza di stare lontana da FB. Magari poi gli altri mi vedono in altri modi, chissà.
      Dai, tu non sei maestrina! Impegnata magari sì, ma in modo sempre piacevole e interessante. E lo dico con sincerità :)

      Elimina
    3. Sono contenta di non apparirti in quella categoria! :D

      Elimina
  9. Ah, ah, mi hai fatto troppo ridere con questo post! Io credo di essere il timido-fantasma, leggo, non commento, ogni tanto metto un like 😉 e cerco di impegnarmi a scrivere libri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti ho fatto ridere :) Come dicevo su, io pure mi rivedo abbastanza nella timida-fantasma, posto poco. Pure in questo periodo che di scrivere libri proprio non se ne parla... :(

      Elimina
  10. Mi sa che sono il tipo timido-fantasma, ma non proprio così impegnata a scrivere... 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, vabbè si va a periodi, dai! Io pure sto scrivendo zero da settimane, speriamo vengano tempi migliori per entrambe ^_^

      Elimina
  11. No, non mi sono ritrovato nei profili. Io mi definirei più l'anarchico. Sul genere di Bob Dylan quando saliva sul palco... (che modesto che sono) Ovvero Dylan saliva sul palco e faceva sempre quello che gli pareva, sia che ci fosse il pubblico o che non ci fosse. Una forma di autismo forse... ma avessi scritto io almeno uno solo dei suoi versi... Invece riconosco un sacco di scrittori di cui ho l'amicizia su Facebook. Il peggiore è quello che annuncia tutte le sue presentazioni in giro per l'Italia (chissa poi chi gliele paga). E mi invita sempre... Adesso io abito a Venezia. Se lui fa la presentazione ad Alghero temo sia difficile che possa andarci. E poi, proprio quando è venuto a Venezia e l'unica volta che non mi è arrivato il suo messaggio d'invito. Una sola considerazione personale: più fai presentazioni e più secondo me non stai vendendo niente. Ma non posso dirglielo. Temo ci rimarrebbe male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me sembra una cosa positiva che non ti ritrovi in nessuno di questi tipi. Perché di fatto sono tutti fastidiosi, se spinti all'eccesso. Invece il tipo che dici, che fa un po' come gli pare al di là del giudizio degli altri, è un po' la mia aspirazione segreta.
      Per il resto, di autori che fanno come il tuo amico ce ne sono tanti, purtroppo! Senz'altro non è il caso di dirgli nulla...

      Elimina
  12. Questo post è stupendo!! Ci ho riconosciuto qualcuno in alcuni profili. E in quanto a me... mi sento l'amorevole rompiballe. Forse non troppo amorevole! :D :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Barbara :D Noooo, perché l'amorevole rompiballe?! Non sono d'accordo!

      Elimina
  13. Ahahahah! Sono tutti profili perfetti: io non so collocarmi, fondamentalmente su Fb cazzeggio e quando sono seria condivido i miei post oppure comunico che libro sto leggendo, magari facendone qualche citazione. Dove mi metto? 😋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non sai collocarti, è un buon segno! Questi profili sono ispirati a persone che usano Fb in maniera spesso monotematica, si vede che tu no lo fai ^_^

      Elimina
  14. Mi riconosco nel timido-fantasma. I miei post sono una rarità, come pure i commenti che faccio.
    Con il venditore porta a porta ci ho avuto a che fare su Twitter. Credò però che sarebbe più appropriato, nel mio caso, definirlo spaccone porta a porta. Pensa, Maria Teresa, che pur di piazzarmi il suo capolavoro si è offerto di scrivermi una 'bellissima', cito, poesia. Gli ho risposto che: primo, uno che sente il bisogno di dire che le sue opere sono bellissime ha qualche problema; secondo, se proprio mi viene voglia di una poesia casereccia me la scribacchio da me :D :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, io pure posto e commento poco.
      Santo cielo, questa della poesia bellissima mi mancava! Purtroppo lo spaccone porta a porta è terribile, invadente in un modo che ti fa saltare i nervi. Io quando una volta ho visto arrivarmi un iban per acquistare un libro di un tizio, non sapevo se ridere o dirgliene quattro.

      Elimina
  15. Un po' autoreferenziale un po' super autore. Un ibrido! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica. Essere super autori non è niente male! ;)

      Elimina
  16. Mi sento parente stretta del timido fantasma! Anche la posizione yogica mi si adatta. Ogni tanto mi domando se non dovrei semplicemente chiudere tutti gli account social e mantenere soltanto il blog, visto che non riesco a dedicarci tempo e attenzione. Carina, questa carrellata. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Ti capisco in pieno, la tentazione ce l'ho spesso anche io. I social succhiano troppo tempo e attenzione, mi chiedo come facciano tante persone.

      Elimina
  17. Ahahahahaahh!Ne ho conosciuti molti di tutti e 12 i tipi.
    Non saprei nemmeno dire qual è il peggiore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nick, scusa se ti rispondo solo ora.
      Vero, è difficile dire qual è il peggiore, diciamo che alcuni tipi sono parecchio indigesti. Per quanto mi riguarda, il venditore porta a porta è quello che proprio non sopporto!

      Elimina

Posta un commento

Ogni contributo è prezioso, non dimenticarti di lasciare la tua opinione dopo la lettura.
Se vuoi ricevere una notifica per e-mail con le risposte, metti la spunta su "inviami notifiche".
Ti prego di non inserire link o indirizzi e-mail nel testo del commento, altrimenti sarò costretta a rimuovere il commento. Grazie!

Info sulla Privacy

Policy Privacy di Google per chi commenta con un account Blogger o Google+