Passa ai contenuti principali

FAQ

Qui trovate raccolte le domande che mi vengono rivolte più frequentemente.

Posso mandarti il mio romanzo da recensire?
Sono una lettrice indipendente, quindi preferisco scegliere da sola i libri da leggere. Considerando anche che ho poco tempo per questa attività, quindi, non sono disponibile per recensioni su richiesta.

Puoi valutare/dare un'occhiata un mio testo?
No, non sono un editor e non potrei prendermi la responsabilità di giudicare un testo. Inoltre, questa non è una casa editrice.

Puoi correggere un mio testo?
No, si tratta di un lavoro molto impegnativo, che richiede di solito moltissimo tempo, e deve venir fatto da un editor professionista a pagamento.

Posso scrivere un post sul tuo blog?
Certo, ma ti prego di contattarmi per stabilire l'argomento e leggere prima le indicazioni che trovi in questa pagina. E' importante che il tema scelto sia affine a quelli del blog e che l'articolo contenga informazioni utili al lettore.

Puoi segnalare un'attività o un'iniziativa?
Dipende, posso farlo se ritengo che sia di interesse per i lettori del blog. In ogni caso non segnalo corsi, concorsi o altre attività che abbiano come scopo sfruttare gli aspiranti scrittori, né tanto meno case editrici a pagamento.

Puoi segnalare l'uscita del mio libro?
Credo che sarebbe inopportuno segnalare libri che non ho letto, l'ho fatto in passato e non è stata una buona idea. Se vuoi informarmi di un tuo libro in uscita, però puoi farlo scrivendomi.

Puoi farmi un'intervista?
Dipende. Attualmente la mia politica è di invitare io stessa gli intervistati, se ritengo possano trasmettere con la loro esperienza e competenza qualcosa di utile ai lettori.
Dunque, se ritieni di essere esperto in qualche argomento relativo alla narrativa o alla scrittura, sarò ben felice di ospitarti.

Posso leggere qualcosa di tuo?
Nel 2015 è uscito il mio secondo romanzo, intitolato Bagliori nel buio e disponibile in edizione cartacea o ebook. Puoi leggere o scaricare liberamente i primi capitoli su pdf: anteprima Bagliori nel buio.

Mi sono iscritto alla tua Mailing List ma non ricevo nulla, perché?
Forse non hai mandato la mail di conferma. Dopo aver inserito il tuo indirizzo e-mail nell'apposito spazio (che si trova nella pagina dei Contatti oppure sulla colonna laterale nella home), ti arriverà una mail con mittente FeedBurner che ti chiederà di confermare la tua iscrizione. A volte questo tipo di messaggi finisce nello spam, quindi ti invito a controllare e a dare la tua conferma, oppure a ripetere la procedura. Se hai problemi, scrivimi pure in privato a ti aiuterò.

Commenti

  1. Ciao sono Alberto,
    Sono quasi in dirittura d'arrivo per il mio primo romanzo, ma mi chiedevo, come posso mettere al "sicuro" quello che ho scritto? O meglio, ipotizzando che qualcosa di buono ci sia, come posso essere sicuro che non mi venga "copiata" un'idea, trama ecc.?
    Grazie Mille in anticipo per il tuo prezioso consiglio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alberto. Purtroppo in Italia è un po' una giungla in questo campo e se ne sentono di tutti i colori, comunque ti giro un articolo dove ho trovato dei consigli utili:
      https://raccontidalpassato.wordpress.com/2015/09/07/consigli-per-il-self-publishing-parte-2-distribuzione-illegale-del-vostro-libro-da-parte-di-terzi-e-il-copyright
      Il rischio maggiore non viene comunque dalle case editrici (di certo non sono interessate a rubare nulla), quanto da altri autori. Un consiglio generale quindi è quello di affidare il testo solo a persone di cui ti fidi, per farlo eventualmente leggere, e non pubblicare niente on-line.

      Elimina
  2. Ciao sono Luca, ho da poco finito di scrivere un libro, un fantasy per ragazzi, e mi accingo alle correzioni e rifiniture che sembrano essere infinite. Ti scrivo perché ho letto con molto interesse questo tuo sito, trovandolo brillante ed interessante, ma anche estremamente sconfortante, dato che credevo fosse meno "impossibile" riuscire a pubblicare un libro. Ammetto che tra le tue parole e quelle di altri, in altri siti, ho accusato il colpo e ora la prospettiva di diventare uno scrittore mi sembra solo una crudele presa in giro, soprattutto perché sono un esordiente totale, non ho mai partecipato a premi letterari eccetera, ho semplicemente scritto un libro che speravo potesse essere degnamente valutato, ma leggo che quelli come me hanno poche speranze, se non nessuna. Per cui ti chiedo consiglio, su cosa vale la pena fare, se mandare il mio libro così, da perfetto sconosciuto, vale il tentativo o è solo una pia illusione, e, soprattutto, se c'è un modo per poter aumentare le mie possibilità di rendere il mio sogno un po' meno impossibile. Ti ringrazio per il tuo tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca, mi dispiace davvero che tu ti senta sconfortato. Ma lascia che ti dica una cosa. Secondo me essere coscienti delle difficoltà che ci sono in questo campo è un punto di forza. Vedo tante persone che si lanciano allo sbaraglio, io stessa l'ho fatto. Ci si fanno molte illusioni con pessime conseguenze, oppure si prendono strade sbagliate, proprio perché non ci si informa abbastanza su come funziona il mondo editoriale. Quindi non è un male sapere che ci sono degli ostacoli e che non è tutto oro quello che luccica. Il mio consiglio è inviare manoscritti sempre a editori di cui si è preso informazioni, che si conoscono un minimo, e mandare un prodotto finito il più accurato possibile. Editori affidabili ce ne sono in giro, forse non sono facili da scovare in mezzo a tanta fuffa e imbrogli, però non bisogna rinunciare per questo ai propri sogni.
      Se hai bisogno di qualche suggerimento più preciso, non esitare a scrivermi anche in privato. In bocca al lupo.

      Elimina
    2. Ti ringrazio per le tue parole! Un suggerimento più preciso mi farebbe comodo in materia di concorsi letterari, in effetti. Diciamo che spedisco il libro a degli editori e non ottengo nulla, sarebbe una buona strategia presentare il mio libro a tali concorsi sperando in un po' di visibilità per poi arrivare a case editrici grandi? La mia paura è che una volta che il mio libro è stato presentato, magari pubblicato via ebook, tale libro non è più accettato da case editrici maggiori perché non più inedito. Vorrei sapere anche se posso presentare il mio libro a più concorsi negli anni, o se deve essere per forza sempre qualcosa di inedito. Un'ultimo consiglio mi farebbe comodo riguardo al mio "piano b", ovvero autopubblicarlo come ebook per provare con le mie sole forze a farmi conoscere cercando comunque di ottenere abbastanza pareri positivi da farmi notare dalle case editrici. Grazie mille per la tua disponibilità!

      Elimina
    3. Sui concorsi io sono molto scettica. Se sono indetti da editori importanti ha senso partecipare, altrimenti non servono a molto, di sicuro non "fanno curriculum", cioè le case editrici non ne tengono conto quando si tratta di pubblicazione. Inoltre va considerato quello che dici, cioè che una volta bruciato con qualche editore minuscolo in seguito a un concorso, poi non è più inedito. Scusa la franchezza, ma su queste cose è meglio andarci con i piedi di piombo per evitare di pentirsi in seguito.
      Riguardo al piano b, non posso che essere a favore, visto che l'autopubblicazione l'ho scelta anche io. Alcuni autori si sono fatti notare proprio così da editori di un certo livello, quindi è una strada percorribile. Va tenuto conto comunque che per attirare l'attenzione vanno prodotti grandi numeri in termini di vendite. In definitiva l'editoria importante ti pubblica se è sicura che il tuo libro vende... Ciao :)

      Elimina

Posta un commento

Ogni contributo è prezioso, non dimenticarti di lasciare la tua opinione dopo la lettura.
Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi ricevere una notifica per e-mail con le risposte, metti la spunta su "inviami notifiche".
(Ti prego di non inserire link, altrimenti sarò costretta a rimuovere il commento. Grazie!)