Passa ai contenuti principali

Francesco Ambrosio presenta “Malkha, le avventure del giovane Nedo”


Per la presentazione del libro di oggi vi propongo il romanzo “Malkha, le avventure del giovane Nedo”. Ce ne parla l'autore, Francesco Ambrosio.

Sinossi

Nedo, un giovane alieno del pianeta Abixinia a cui deve ancora spuntare la coda, è un sognatore sulla scia del fratello Blik. Ma sarà proprio la misteriosa scomparsa di quest’ultimo durante una missione nello spazio insieme ad altri quattro ricercatori a infondere nel ragazzo il coraggio necessario per intraprendere il suo primo viaggio nello spazio e mettersi alla ricerca del fratello.
In questa sua ricerca Nedo, in compagnia di un bizzarro jeibex e della scorbutica Kita, dovrà svelare il mistero dei labirinti parastellari sparsi qua e là nello spazio, costruiti dal leggendario celestiale di nome Malkha. Ma in questa sua ricerca il protagonista dovrà far fronte a una minaccia che non smetterà mai di seguirlo. Questo non è un romanzo di fantascienza ma un fantasy fiabesco che si spinge oltre i limiti della realtà. Viaggi spaziali, azione, misteri da svelare e tanti altri elementi vi trasporteranno in un’avventura molto fantasiosa e ricca di colpi di scena.

Sin da piccolo, mi piaceva inventare storie e viaggiare con la fantasia. Poi nel 2014 dopo alcune difficili esperienze di vita decisi di dedicarmi anima e corpo alla scrittura. Ho seguito corsi di scrittura ed editoria che mi hanno permesso di migliorare tantissimo, ritrovando l’autostima necessaria a continuare sulla mia strada. Da queste esperienze è nata la stesura del mio primo libro “I guardiani dell’Efterion”, edito nel luglio del 2016 dalla casa editrice Bibliotheka Edizioni. Dopo questa pubblicazione sull’onda dell’entusiasmo, facendomi trascinare dalla mia fantasia, da gennaio 2017 ho pubblicato altre cose in self su Amazon. La fiaba “Le avventure di Lobo, il pianetino parlante”, pubblicata è stata la prima delle tante che mi ha regalato tante soddisfazioni, classificandosi al primo posto del concorso “Libera la fantasia”. Poi dopo una lunga stesura di 18 storie, ho deciso di autopubblicare su Amazon anche il secondo libro della saga dell’Efterion “I guardiani dell’Efterion, le leggende dello spazio”. Subito dopo mi sono divertito con una prima breve storia a mettere insieme i due personaggi più saggi del mio Universo Efterion e da quest’esperimento è nata una mini-trilogia di storie intitolata “Il mistero della magia”. Queste storie sono incentrate sulla vita dell’Arcimago Sonifer e sono molto diverse tra loro per tematiche trattate: magia, famiglia e amore. I titoli delle storie sono “Il mistero della magia, le tombe di Scidna”, “Il mistero della magia, l’apprendista del Merth” e “Il mistero della magia, la Danzatrice Veggente”.
“Malkha, le avventure del giovane Nedo”, edito dalla casa editrice LFA Publisher è il primo romanzo della saga “I ragazzini terribili dello spazio”.

Qualche estate fa, un po’ per caso, nacque l’idea di scrivere un romanzetto particolare. Seppur, sia ambientato nello spazio, è molto diverso da “I guardiani dell’Efterion”, in quanto tutta la saga è incentrata su dei giovani alieni. Questi ragazzini “terribili”, saranno costretti a crescere in fretta per affrontare avventure molto particolari, in compagnia di altri personaggi bizzarri. Queste avventure sono accompagnate sempre da molta ironia e battute tra i personaggi. Il protagonista di questo romanzo, Nedo, dovrà fare proprio questo, superare tutte le sue paure adolescenziali per buttarsi nello spazio aperto alla ricerca di una leggenda.

Queste storie dal tono adolescenziale rappresentano quasi una sorta di trasposizione della realtà in uno spazio immaginario, in cui ogni ragazzo che legga può tranquillamente rispecchiarsi nei personaggi.

Ma non voglio dilungarmi molto, penso che questo libro, questa saga va letta per comprenderla a pieno.

Francesco Ambrosio

Incipit

 Pianeti, stelle, galassie, tutto normale ma solo se non includiamo in questo discorso anche Malkha. Chi è in realtà Malkha? Difficile spiegarlo in poche parole ma di sicuro nello spazio ha compiuto più imprese lui di qualsiasi mortale. Malkha era un celestiale, ossia un essere formatosi nel cielo o da polvere di stelle, come pensavano molti ricercatori dell’universo che non ne avevano mai visto uno. Lui era diverso dagli altri, abbastanza alto e robusto con orecchie a punta e altre punte sulla testa che formavano una sorta di cresta naturale. Appariva come un essere rossiccio e semi-invisibile, un po’come tutti i celestiali. Ma avere quei tratti somatici era una rarità tra i celestiali perché di norma si presentavano tutti come semplici ammassi di pietra e di polvere. Era abbastanza massiccio di braccia e di gambe e forse se fosse stato un comune mortale si sarebbe intuito facilmente che lavoro facesse, ma un celestiale che lavoro poteva mai avere nel cielo?

In vendita su: 
 IBS (cartaceo).

Blog dell'autore:
Universo Efterion

Commenti

  1. Devo dire che la copertina è notevole. Chissà chi gliel'ha disegnata...

    RispondiElimina
  2. Grazie mille a tutti. La copertina è stata disegnata dall'artista Chiara Vincenzi, veramente bravissima :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ogni contributo è prezioso, non dimenticarti di lasciare la tua opinione dopo la lettura.
Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi ricevere una notifica per e-mail con le risposte, metti la spunta su "inviami notifiche".
(Ti prego di non inserire link, altrimenti sarò costretta a rimuovere il commento. Grazie!)