Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2017

Nadia Banaudi presenta “Vita e riavvita”

Protagonista di questa presentazione è una raccolta di racconti dedicati al mondo femminile. Ce ne parlerà l'autrice stessa, Nadia Banaudi, alla quale faccio un grande in bocca al lupo per il suo debutto nel mondo dei libri, avvenuto proprio in questi giorni. 

Sinossi Vita e riavvita è una finestra sul mondo delicato e frastagliato dell’animo femminile, fatto di passioni, desideri, delusioni, partenze e arrivi, come la vita. I cinque racconti descrivono personaggi diversi per fasce d’età e problematiche: da Sonia, bambina cresciuta senza il papà, a Tecla, ventenne che affronta la crisi del mondo del lavoro, ad Amalia, che cerca di reagire dopo la morte del marito.
A tutte spetta un lieto fine, perché almeno nei libri deve essere concesso fare bei sogni.
Una lettura capace di risvegliare emozioni salutari, di calmare dubbi e paure, lasciando il piacevole senso del bello della vita che troppo spesso sfugge.
Ci sono nomi che raccontano, altri che nascondono. Nomi che sanno di motivazi…

Il “metodo del non scrivere” (parte I)

Questo post è stato scritto da Pietro Luciano Placanico e nasce da un commento che l'autore ha lasciato su un mio vecchio post Gli errori di chi inizia. Dal momento che le sue riflessioni mi sembravano degne di ampliamento, gli ho proposto un articolo vero e proprio. 
Ringrazio Pietro per il suo contributo e vi invito tutti a leggere l'articolo e in modo particolare il suo annuncio finale. Questa è la prima parte del metodo che vi propone. 

Ringrazio Maria Teresa per avermi permesso di scrivere sopra gli errori di chi inizia. Perché lo reputo un argomento molto utile e di primaria importanza per uno Scrittore/trice.

Gli errori di chi inizia a scrivere un romanzo sono di varia natura. E di solito si commettono per seguire varie motivazioni. Può essere la fretta di voler completare la storia pensata. O l’ansia di dimenticare le idee che avevamo in testa. Oppure tutte le varie e articolate informazioni che pensiamo di dovere inserire obbligatoriamente scrivendo anticipatamente mon…

Lo sfaccettato mondo dei lettori

Prima di tutto vorrei ringraziare Patricia Moll per aver dedicato al mio Bagliori nel buio uno spazio sul suo blog Myrilla's house. Colgo l'occasione di questa sua recensione per alcune riflessioni che mi frullano in testa da un po', intorno alle diversità che si riscontrato tra i lettori.

Senz'altro basta guardarsi un po' di giro per notare quante differenze ci siano nei modi di vedere un libro. Io sono abituata a leggere i commenti che vengono lasciati sui romanzi che voglio acquistare o su quelli che ho letto, prima e dopo la lettura, ma a volte mi capita di andare a sbirciare persino tra le recensioni di storie che non leggerei neppure sotto tortura, perché sono curiosa per natura. Spesso mi capita pure di infastidirmi quando vedo apprezzamenti entusiasti su romanzi che per me valgono poco e mi fa male vedere critiche a libri che ho amato tantissimo. Non credo di essere la prima a prenderla sul personale, anzi ci sono persone che si scaldano subito quando si t…

“Apoptosis”, intervista all'autore Renato Mite

Il romanzo di cui vi parlerò oggi getta uno sguardo sul futuro con una storia a metà tra la fantascienza medica e il thriller. Ho l'occasione per approfondire la storia direttamente con l'autore (che è stato già mio ospite qualche tempo fa in una delle presentazioni online).

Silvana Amadeo presenta “Tra le disco e le pagode”

“Tra le disco e le pagode” è il titolo del romanzo di stampo esoterico protagonista della presentazione di oggi. Ci racconta di cosa si tratta l'autrice, Silvana Amadeo.

Sinossi Luisa, la protagonista di questa storia, è una donna normale che, in un contesto di esperienze di vita ordinaria, riesce a trasformarle in occasioni speciali per la sua crescita personale.
E così lei esce da una ristretta realtà di paese, per muoversi con vitalità, esprimendosi nei contatti sociali, nelle occasioni mondane e sperimentandosi nelle relazioni con il maschile.
In seguito all’esperienza di premorte di una sua amica, Luisa cambia gradualmente la sua visione della vita, spostandosi di più sul mondo interiore.
Lo yoga, la meditazione, un viaggio in India al di fuori delle rotte commerciali la porteranno sempre più su questo binario; senza tuttavia dimenticare che bisogna vivere nel mondo e nella realtà presente, armonizzare la parte terrena e quella più sottile.
Le fanno da specchio l’amica dedita …