Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2016

“Bagliori nel buio” in offerta

Ariano Geta presenta “Storie di scrittori”

Sinossi
Chi è realmente uno scrittore?
Un cultore delle parole che crede fanaticamente in ciò che scrive?
Un freddo professionista dell'intrattenimento che redige libri basandosi su rigidi meccanicismi narrativi?
Un ingenuo inetto alla vita poiché perennemente assorto nelle sue fantasie?
Uno scontento che tenta di dare un senso al proprio disadattamento trasformandolo in una riflessione mascherata da romanzo?
Nei sette racconti che compongono questa raccolta ho cercato una possibile risposta. 
Ariano Geta, autore del blog omonimo, inaugura questo ciclo di presentazioni su Anima di carta, parlando della sua raccolta di racconti “Storie di scrittori”. Sarà lui stesso a raccontarci di cosa si tratta.

Di cosa si nutre la mia scrittura

Esiste una specie di legge di Murphy dello scrittore, in base alla quale quando abbiamo molto tempo a disposizione e ci mettiamo con le migliori intenzioni al computer per scrivere, ci ritroviamo a fissare lo schermo colmi di frustrazione. E quando corriamo trafelati a destra e a manca senza un secondo libero, è la volta che ci vengono in mente mille idee, senza la possibilità di sederci e metterle nero su bianco. Scommetto che vi sono capitate entrambe le situazioni. A me moltissime volte. In questo periodo in particolare il mio romanzo progredisce al ritmo di un bradipo ubriaco, e io continuo a chiedermi: dannazione, perché non riesco a scrivere? Cosa mi manca?

Sarà che la scrittura è qualcosa di molto più sfuggente di quanto ci piace pensare. Tentiamo di inquadrarla sui nostro blog riducendola a delle ricette, ma poi dobbiamo fare i conti con l'imprevedibilità e i capricci di una Musa che non sembra avere regole, che si fa viva quando le gira e ci concede i suoi favori spesso …

Presenta il tuo libro: calendario provvisorio

Prima di tutto vorrei ringraziare tutti gli autori che hanno accolto con entusiasmo la mia proposta di presentare un libro su questo blog, ne sono davvero molto contenta, anzi non mi aspettavo tutta questa partecipazione! Spero che sarete in tanti anche a leggere le presentazioni e che non accada come in certi eventi in libreria con due gatti intorno all'autore...

Devo ammettere, comunque, che compilando questo calendario mi sono sentita un po' a disagio perché mi sembra di ipotecare il futuro con date che arrivano tanto lontano nel tempo. Sto quindi ipotizzando – nel caso le presentazioni riuscissero gradite in termini di visite e commenti – di aumentare la frequenza.

A qualcuno piace self

Ovvero qualche riflessione sul mio primo anno da selfpublisher.

Comincio con il confessare che sono diverse settimane che mi ripropongo di scrivere questo post. Dentro di me ho incontrato una certa resistenza e anche difficoltà a tirare le somme. Resistenza perché parlare di questo argomento in modo teorico mi ha stancata e soprattutto mi hanno stancato i giudizi della gente, le opinioni parziali, soprattutto quelle sussurrate alle spalle. Ma parlavo anche di difficoltà, perché trarre delle conclusioni da quest’esperienza richiede una lucidità che non ho in questa specifica fase della mia vita. Ma voglio comunque provare a farlo.

Intervista a Stefania Crepaldi, editor

Ho conosciuto la protagonista di quest'intervista, Stefania Crepaldi, qui su Anima di carta. Di solito do sempre un’occhiata ai blog delle persone che lasciano un commento, e quando mi è capitato con lei sono rimasta davvero a bocca aperta. Il suo sito/blog Editor Romanzi infatti è una vera miniera d’oro per chi scrive, ricco di risorse, consigli, e lascia trapelare una grande professionalità e competenza come editor di narrativa. Una prima impressione che è stata pienamente confermata in seguito. Dunque sono molto contenta oggi di potervela presentare in quest’intervista.

Presenta il tuo libro su Anima di carta

Post extra questa settimana per parlarvi di un’iniziativa che ho deciso di proporre, aperta a chi ha pubblicato un romanzo o una raccolta di racconti.

L’idea è nata dalla constatazione che continuano ad arrivarmi richieste di recensire libri o fare interviste, ma il tempo è quello che è, inoltre ho già una lista lunghissima di romanzi e saggi che mi piacerebbe leggere. Dunque, ho pensato di aprire il mio blog a chi vuole presentare la propria creatura. Non si tratterà, però, di una semplice segnalazione...

Promozione: le interazioni con gli addetti ai lavori

Torno a parlare di promozione con questo articolo scritto da Mattia L. (Mattia Loroni) autore del blog Hand of Doom, che affronterà in modo particolare la questione dei rapporti che si instaurano con gli addetti ai lavori.

In un'epoca interconnessa come quella attuale, per un autore la sola capacità di scrivere non è più sufficiente. I rapporti umani coi lettori e con altri colleghi, la blogosfera, il marketing attraverso i social, sono tutti elementi che uno scrittore non può trascurare oggi. Tra queste, penso che la capacità più importante sia quella di promuovere sé stessi. Riuscire a rendere appetibile la propria opera è di importanza vitale: triste ma vero, lo è anche più di realizzare un prodotto di qualità. Prendete per esempio Cinquanta Sfumature di Grigio: è un romanzo vituperato da gran parte degli addetti ai lavori, ma ciò non gli ha impedito di essere un best-seller mondiale, grazie a un riuscitissimo sforzo pubblicitario. Beninteso, io credo che la qualità del libro r…