Passa ai contenuti principali

Ariano Geta presenta “Storie di scrittori”

Sinossi


Chi è realmente uno scrittore?
Un cultore delle parole che crede fanaticamente in ciò che scrive?
Un freddo professionista dell'intrattenimento che redige libri basandosi su rigidi meccanicismi narrativi?
Un ingenuo inetto alla vita poiché perennemente assorto nelle sue fantasie?
Uno scontento che tenta di dare un senso al proprio disadattamento trasformandolo in una riflessione mascherata da romanzo?
Nei sette racconti che compongono questa raccolta ho cercato una possibile risposta. 

Ariano Geta, autore del blog omonimo, inaugura questo ciclo di presentazioni su Anima di carta, parlando della sua raccolta di racconti “Storie di scrittori”. Sarà lui stesso a raccontarci di cosa si tratta.

Ho iniziato a scrivere quasi contemporaneamente a quando ho imparato a leggere. Con la preistorica Olivetti di mio padre battevo a macchine piccole storie infantili, eseguivo esperimenti tipografici, fantasticavo idee, supereroi, mondi, universi.
Proprio poiché congenitamente afflitto da questa tremenda malattia (non è un messaggio su whatsapp ma fate finta che a questo punto compaia una faccina che sorride e vi strizza l’occhio) mi sono spesso chiesto, in età più matura, chi fosse realmente uno scrittore: cosa spinge alcune persone ad annotare ossessivamente le proprie idee, esperienze, fantasie, vicende reali o immaginarie trasformandole in narrativa? È una conformazione mentale tipica o la conseguenza di determinate esperienze esistenziali?

Tale curiosità mi ha spinto a interessarmi dei miei autori preferiti non solo come lettore delle loro opere ma anche come studioso dilettante della loro vita. Ho approfondito le notizie biografiche note di vari scrittori a me graditi e le ho messe a confronto (sia chiaro: senza alcuno schema metodologico o pretesa di trarre conclusioni oggettivamente valide) affidandomi solo al mio opinabile intelletto. I risultati tratti da detta analisi comparata assai dilettantesca sono stati la constatazione dell’assenza di un qualsiasi elemento unificante nelle esistenze degli autori presi in considerazione.
Detto con parole banali: gli scrittori sono persone assai diverse l’una dall’altra, accomunate esclusivamente dalla scelta di raccontare qualcosa in forma letteraria. Ne deriva che anche il loro rapporto con la scrittura non è affatto univoco, né riconducibile a un solo fattore universale, ma al contrario esprime un’ampia varietà di bisogni e obiettivi individuali con finalità eterogenee.

I racconti che compongono questa raccolta sono nati proprio come tentativo di dare una forma e un perché alle diverse personalità di coloro che appartengono, ognuno a suo modo, alla variegata categoria degli “scrittori”.

I protagonisti hanno pertanto in comune esclusivamente la scelta di scrivere, ma per il resto si differenziano in numerosi aspetti. Tanto per cominciare gli esiti di tale scelta divergono: c’è lo scrittore che sta iniziando a essere famoso  (“La polemica fra Juan Brady e Francisco Hernandez Mendieta”) e quello ormai decaduto e dimenticato (“L’ultima intervista a Ludovico Aprile”), c’è chi sfrutta il proprio talento naturale per la scrittura soltanto per guadagnare (“Ghost writer”) e chi è ancora un dilettante che si autopubblica come il qui presente (“Scribacchina sfigata”).

L’ambientazione dei racconti spazia in più nazioni proprio per distinguere maggiormente le varie tipologie di scrittore: si passa dall’Argentina alla Francia e dall’Inghilterra agli Stati Uniti non per snobismo esterofilo (altrimenti non avrei inserito i due racconti che si svolgono in Italia) ma bensì per ampliare il tema trattato estendendolo anche oltre i confini nazionali.

Le sette narrazioni che compongono il libro sono pertanto dei racconti in cui la trama è meno rilevante rispetto alla messa in scena del personaggio principale. Per fare un’analogia con la pittura, ho voluto creare dei ritratti piuttosto che dei paesaggi affollati: qualcuno (e qualcosa) si muove anche alle spalle della figura in primo piano, ma la centralità di quest’ultima domina la tela.
Sono riuscito a raggiungere gli obiettivi che ho qui dichiarato?
Non spetta a me dirlo: è un privilegio esclusivo dei lettori del libro.

INCIPIT
La prima scintilla era partita da Francisco Hernandez Mendieta. Doverosamente precisando, però, che non era nelle sue intenzioni scatenare una qualsivoglia bagarre. O forse un po’ di ostilità latente bruciava nelle sue parole, quantunque su un punto – almeno uno – possiamo essere certi: i due grandi scrittori non si erano mai incontrati di persona. Entrambi si conoscevano solo tramite l’aura di personaggio pubblico che li ammantava, ma per qualche bizzarra coincidenza del caso non era mai accaduto che fossero contemporaneamente presenti a un evento culturale o a una premiazione letteraria, non si erano mai incrociati financo in luoghi non connessi alle loro attività.
D’altronde Buenos Aires è una metropoli estesa come la Catalogna con più abitanti di Portogallo o Grecia; e la conoscenza diretta fra due abitanti non di una città, ma praticamente di una nazione, non è un fatto scontato, tutt’altro.

Dove acquistare “Storie di scrittori”: Amazon
Per sapere di più sull'autore visita il suo blog: Ariano Geta

CALENDARIO DI TUTTE LE PRESENTAZIONI

Commenti

  1. Conosco parte di quest'opera. Le capacità scrittorie di Ariano sono fuori discussione. Da un pezzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Ivano. Il giudizio positivo di una persona competente come te è un onore.

      Elimina
  2. Uno scrittore che scrive di scrittori è come se guardasse dentro se stesso e gli altri. Interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ho cercato di andare oltre me stesso, se possibile (e comunque, andare oltre se stesso credo che sia l'obiettivo minimo di qualunque scrittore o artista in genere).

      Elimina
  3. Questo post sarà di sprone, di te ho già letto Nazioni Immaginarie, Racconti Veneti sognati, Shakespeare noir, mi ero divertito molto con 3A Investigazioni, ho cronaca di Natale, e storie di scrittori che ho preso il 24 febbraio, a questo punto lo leggerò. Ti ho già detto in altre occasioni che la tua scrittura mi piace molto. Sono sicuro che nemmeno questa volta rimarrò deluso. Un grosso abbraccio Ariano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Riccardo, spero davvero di non deluderti neppure stavolta :-)

      Elimina
    2. Hahahaha anche Riccardo ti ringrazia

      Elimina
    3. Non ci far caso, sono in una fase di riconcoglionimento precoce :-(

      Elimina
  4. Questo tuo libro mi incuriosisce caro Ariano, i apprezzo già come blogger e vorrei leggere qualcosa di tuo, potrei cominciare con questo. Sono indietro con molte letture ma prima o poi arrivo...:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sarei onorato. Se vuoi intanto puoi leggere sul mio blog il primo racconto, così puoi farti un'idea.

      Elimina
  5. E io questo privilegio voglio godermelo, anche perché la tua scrittura per me è una garanzia, in più l'argomento di questi racconti mi piace molto: ti ho conosciuto con il primo ed è stata una piacevole scoperta. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche a te Marina, il tuo giudizio mi interessa molto :-)

      Elimina
  6. Io vorrei fare semplicemente fare i complimenti ad Ariano, intanto perché è stato il primo a mettersi in gioco con queste presentazioni e poi perché mi è piaciuto molto come ha parlato del suo libro, mettendo qualcosa anche di sé. Personalmente mi ha incuriosito parecchio, tanto più che avevo letto il racconto sulla polemica dei due autori (che trovate sul suo blog: http://arianogeta.blogspot.it/search/label/Polemica%20Brady%20Mendieta) e l'avevo trovato piacevolmente sarcastico e colto allo stesso tempo.
    Grazie per la tua partecipazione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per avermi ospitato sul tuo blog :-D

      Elimina
  7. Come blogger ti conosco e apprezzo come autore di libri bnon ancora, presto però 😊
    Ciao e complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pat, il tuo apprezzamento mi rende orgoglioso :-)

      Elimina
  8. Conosco e stimo da tempo Ariano sia come scrittore che come persona devo dire che il suo Storie di Scrittori è davvero un grandissimo pezzo di bravura, ironico e sarcastico al punto giusto.
    Merita davvero la lettura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nick, io l'impegno ce lo metto sempre, sui risultati non posso garantire ;-)

      Elimina
  9. Prima o poi mi dedicherò ad Ariano - scrittore! Devo smaltire un po' di arretrati, ma sono curiosissima!
    Bellissima l'iniziativa, complimenti Maria Teresa! Aggiungo i complimenti ad Ariano che ha saputo presentare in modo assai accattivante la sua raccolta ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando vuoi, sono a tua disposizione anche se avessi qualche domanda da porre sui libri che ho scritto.

      Elimina
  10. Intanto faccio di nuovo anch'io i complimenti a Maria Teresa per la generosità con cui ha messo a disposizione questo suo spazio, e ad Ariano per i suoi libri. Della presentazione di Ariano mi ha colpito molto la frase che tra gli scrittori presi in considerazione non c'è un elemento unificante. Questo mi ha ricordato come anche le regole nella scrittura non possano essere applicate troppo rigidamente e che gli stili possono e devono essere tutti diversi. Ed è bello che sia così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo scribacchini, non cloni ;-)

      Elimina
    2. Eppure, Ariano, molti scribacchini si fanno la guerra. Esattamente come ne "La guerra dei cloni"! ;-)

      Elimina
    3. Grazie a te Cristina per aver letto il post :)

      Elimina
  11. Be', se cominciamo così mi sa che dovrò allargare la biblioteca...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, un ebook non occupa spazio, solo un po' di memoria del kindle o del tablet ;-)

      Elimina
  12. Ho scoperto solo dopo aver commentato che c'è solo la versione e-book... Non prevedi una versione cartacea? Io AMO i libri cartacei!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà per i miei primi libri esiste anche la versione cartacea, ma ho notato che il gradimento è stato pressoché nullo... Non so, forse attiro esclusivamente lettori di ebook.
      Fatto sta che per ora non ho previsto alcuna edizione cartacea. In futuro, chissà...

      Elimina
  13. Curiosa come scelta tematica. Sarebbe anche più interessante se le storie fossero connesse anche per altri elementi, oltre ad avere scrittori e scrittura come protagonisti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In generale, quando scrivo racconti tendo a immaginare storie a se stanti, con una loro individualità. Oltre alla tematica comune, non ci sono mai altri elementi unificanti nelle mie raccolte di racconti.

      Elimina

Posta un commento

Ogni contributo è prezioso, non dimenticarti di lasciare la tua opinione dopo la lettura.
Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi ricevere una notifica per e-mail con le risposte, metti la spunta su "inviami notifiche".
(Ti prego di non inserire link, altrimenti sarò costretta a rimuovere il commento. Grazie!)