Passa ai contenuti principali

12 cose che si vedono solo sullo schermo... versione hot


Vi ricordate 12 cose che si vedono solo sullo schermo? ovvero quelle situazioni assurde che ricorrono sempre in film e serie tv? Ho pensato di farne una versione con il bollino rosso... ma no, diciamo con il bollino giallo.
Ecco dunque dieci cose che continuiamo a vedere nell'ambito del sesso, ma che diciamocelo, sono un po' ridicole.

1) Il lenzuolo

Il grande classico del sesso sullo schermo è il lenzuolo o addirittura il piumone che lei/lui afferra quando si alza per coprirsi e andarsene in giro per casa. Prima di tutto, provate a strappare al volo un lenzuolo da un letto matrimoniale... E poi, ma con tutto quello che hai appena combinato, ti pare che il caso di fare il pudico?
Se poi vi state chiedendo che fine abbiano fatto i vestiti, lo scoprirete al punto dieci di questa lista...


2) Fragole e panna

Sullo schermo non si cena, e questo si sapeva già dagli altri cliché. Se qualcuno spadella tutto il giorno tra i fornelli per organizzare una cena a lume di candela, lo fa solo affinché l'altro resti sufficientemente impressionato, così da buttare tutto a terra per fare spazio sul tavolo per altre attività. Unici alimenti permessi agli amanti sono le fragole (di solito formato gigante) con cui imboccare l'altro tra le lenzuola, e la panna.

3) Candele e petali di rosa

Una quantità di moccoli che solo per posizionarli e accenderli ci vorrebbero due giorni, appaiono dal nulla al momento opportuno, sparsi per tutta la camera da letto, appena in tempo per creare l'atmosfera giusta.
Sul letto è anche propiziatoria la presenza di una spruzzata di petali di rosa rossi. Nelle versioni meno romantiche, i petali sono sostituiti da fruscianti banconote di dollari.

4) La doccia non serve mai per lavarsi

L'alternativa al letto ricoperto di rose o di soldi è sempre la doccia, luogo prediletto degli amanti sullo schermo. Lui/lei è già sotto l'acqua, perché è mattina e deve andare al lavoro. Inevitabilmente l'altro si aggiunge e... Da notare che le docce sono sempre molto spaziose.
Nelle storie più pudiche e romantiche la scena della doccia è sostituita dalla pioggia che cade su due che si baciano per la prima volta. Spostarvi sotto un cornicione, no?


5) In piedi è meglio

Restando in tema di posizioni, le scene hot sotto la doccia confermano una tendenza ormai radicata, e cioè che il vero sesso sullo schermo si fa in piedi, contro una parete o un tavolo, possibilmente in un vicolo squallido accanto a un cassonetto della spazzatura. Il massimo della passionalità è scaraventare con violenza l'altro contro un muro.

6) Vapore magico

Le coppie che invece scelgono di amoreggiare in macchina, fregandosene del rischio di venire beccati, non devono preoccuparsi, perché esiste sempre una provvidenziale nube di vapore pronta al momento giusto a oscurare tutti i vetri dei finestrini per impedire sguardi indiscreti. 

7) Galeotta fu una bella sbronza

Un altro classico è ritrovarsi insieme tra le lenzuola dopo una notte di fuoco, senza ricordarsi nulla di quanto è successo. Ubriacarsi sullo schermo equivale a fare sesso con qualcuno con cui non lo avremmo mai fatto o con un perfetto sconosciuto. Il risveglio è sempre traumatico, accompagnato dalla tipica espressione: Dio mio, cos'ho combinato?!


8) ... e poi scopri che è il tuo nuovo capo

Due si incontrano in un bar (e dove sennò, sullo schermo ci si incontra solo nei bar). Un paio di sguardi, una battuta ammiccante e nella scena successiva uno dei due spinge l'altro contro il muro (vedi sopra). I due non si erano presentati e dopo essersi dati una sistemata si incontrano di nuovo in ufficio per scoprire inevitabilmente che... Davvero, sei proprio tu?! Ma quant'è piccolo il mondo, eh?

9) La camminata della vergogna

Situazione spesso abbinata alla sbronza-galeotta, e così radicata ormai nell'immaginario delle serie tv da meritare un nome tutto suo, walk of shame. Si verifica quando, dopo una notte di fuoco, l'ospite percorre mezzo nudo l'appartamento del suo amante sotto gli occhi dei coinquilini, ben consapevoli ovviamente di cosa ha combinato. In una variante, la svergognata (sì, di solito è una donna) è vestita di tutto punto, ma con gli stessi abiti scollacciati della sera prima. Ma fatevi un po' gli affari vostri, branco di impiccioni maliziosi!

10) Vestiti sparsi ovunque

Emblema di una grande passione è la scia di vestiti che parte dall'ingresso, prosegue su per le scale e finisce ai piedi di un letto. Ma quanta roba avevate addosso!?!

11) Ti odio ma ti amo

Se due si detestano cordialmente, se le dicono di tutti i colori, si guardano in cagnesco quando si incontrano, poco ma sicuro che finiranno a letto. Dagli insulti al bacio passionale e via dicendo, il passo è brevissimo. E immancabile la frase del giorno dopo: È stato un grosso sbaglio!
Un ottimo preliminare? Puntare la pistola addosso all'altro.



12) Sesso alieno

Per gli amanti della fantascienza, c'è l'inevitabile rapporto sessuale tra terrestre donna e alieno uomo. Beh, in realtà non si sa nulla di come sia avvenuto, l'unico dato certo è che ci sia stato e che avrà delle conseguenze: ovvero lei resterà incinta di un qualche mostriciattolo che crescerà a super velocità nella sua pancia.

Vi vengono in mente altri cliché legati al sesso?

Commenti

  1. "Non è mai stato così con nessuno!" ("Tornando a casa" con Jane Fonda dopo il focoso amplesso con - mi pare - Kris Kristofferson)

    "Oddio mio marito!" ("L'ultimo boy scout" con Bruce Willis che torna a casa e trova l'amante nell'armadio e poi gli fa scegliere se preferisce il pugno sopra o sotto e lui sceglie sotto. Ma poi muore con l'autobomba e qui mi fermo. Vi dico solo che non era stato Bruce a farlo fuori perché lui è dalla parte dei buoni)"

    p.s.: ma che cavolo di risposta ho scritto? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheh le frasi che hai citato magari in quei film avevano una loro originalità ma ora in effetti suonano un po' come cliché :D

      Elimina
  2. Ad ogni modo il preludio all'amplesso che preferisco in assoluto è quello in "Arma letale 3": quando Mel Gibson e Rene Russo cominciano a spogliarsi per fare a gara a chi ha il maggior numero di ferite!
    Quella sì che è roba forte!

    p.s: se nella fantascienza l'incontro ravvicinato del quarto tipo avviene fra donne umane e maschi alieni...allora penso che noi maschi umani deficitiamo in qualcosa...ma cosa potrebbe essere? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho visto Arma letale 3, ma da come la descrivi, la scena deve essere tutt'altro che banale :)

      Elimina
  3. 1) e che dire dell'asciugamano che divide i due amanti durante l'atto? Se guardi qualche vecchio film di 007 lo vedi ;)
    2) anche le ciliege, e se si vuol restare sul leggero (magari si è a dieta) anche solo un bel cubetto di ghiaccio.
    3) versione sadomaso, solo le spine :P
    4) la doccia è pericolosa, però, può sempre arrivare qualcuno armato di coltello e...
    5) che fatica però
    6) respirano troppo questi amanti :D
    7) variate: ci si trova a Las Vegas e ci si sveglia anche con una bella fede al dito
    8) promozione assicurata? :P
    9) non scordarti che lei se ne va tenendo le scarpe tacco dodici in mano
    10) sai, quando ci si veste col metodo a cipolla :D
    12) in realtà esiste anche la versione opposta, ricordo una bellissima Kim Basinger in ho sposato un'aliena (non mi pare che lui partorise un mostriciattolo però

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah sì tutto vero!! Le scarpe tacco dodici in mano poi sono un vero mito :D

      Elimina
  4. Il punto 7 di Grilloz mi ha ricordato un film molto carino con Cameron Diaz e Ashton Kutcher, ma non ricordo il titolo.
    Altri cliché?
    La ragazzina che pianifica la sua prima volta, andando a casa del fidanzatino vestita di tutto punto. Siccome i genitori non ci sono, film, pizza e pop-corn... e poi è fatta! :-D
    In alternativa, c'è il ballo del liceo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah sì, il ballo del liceo, altro tormentone!! Come se vivessero solo per quello gli adolescenti americani :D

      Elimina
  5. In Cocoon c'è anche l'aliena con l'essere umano ;)
    Aggiungerei, della serie vestiti sparsi ovunque, che un pezzo, fatalmente il perizoma di lei, rimarrà incastrato chissà dove e sarà rinvenuto dall'ultima persona che doveva trovarlo (assomiglia un po' al clichè del bacio visto, nell'altro elenco).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah hai ragione, c'è sempre quel pezzo di biancheria intima dimenticato! Come se uno davvero potesse dimenticarlo in giro... :D

      Elimina
  6. Divertenti i clichè esposti :-)
    Trovo però siano molto "americani". Erano divertenti anche i nostri, quelli dei primi anni 70 con i film sul genere "Quel gran pezzo della Ubalda, tutta nuda e tutta calda"
    Oppure "La poliziotta", "La soldatessa" etc. con le immancabili Edvige Fenech e Gloria Guida o anche la Mussolini. Forse i più giovani non lo ricordano ma prima di lanciarsi in politica la "ducessa" si cimentava in pellicole soft-sex. Non so quanto ci abbia perso il mondo del cinema, di sicuro il mondo della politica non ci ha guadagnato molto.
    Comunque la scena classica era la donna stesa nel letto e coperta a metà dal lenzuolo con il marito che entrava all'improvviso. E l'amante ? Sotto al letto, come da prassi. Poi il marito si buttava sul letto e il malcapitato amante prendeva di quelle tranvate da sotto al materasso ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, sono molto americani! Divertenti anche quelli che hai citato, chissà ora che effetto bizzarro farebbero cose del genere sullo schermo? Di certo ora telefilm e film qui da noi risentono parecchio dei tormentoni d'oltreoceano e non solo nell'ambito del sesso!

      Elimina
  7. Aspettiamo da anni un film romantico dove tutti questi cliché non sono rappresentati... ehem, però se c'è Michelle Pfeiffer mi accontento, va bene lo stesso :D

    RispondiElimina
  8. C'è anche il cliché per cui la stanchezza non esiste. Anche se uno è tornato da 20 ore di viaggio in aereo, o se ha lavorato 12 ore, avrà sempre le energie per farlo, anche in maniera focosa. Invece io la domenica - giorno di mio massimo impegno lavorativo - alla sera è tanto se trovo le energie per arrivare a sdraiarmi a letto. Chissà dove i personaggi dei film riescono a trovare tanta forza da riuscirci :D .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che vuoi fare, l'adrenalina! Però seriamente hai ragione, è davvero pazzesco come riescano a fare diecimila cose in un solo giorno, mai un attimo di stanchezza :D Poi nei telefilm lavorano tutti sempre fino a notte fonda... nella realtà ne dubito seriamente!

      Elimina
  9. Un altro classico, tipico delle commedie giovanili americane, è lei che si toglie la maglietta e lui che la maglietta invece se la tiene addosso. Contenti loro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah sì? Beh a volte succede anche il contrario! Anzi a volte restano tutti completamente vestiti :D

      Elimina
  10. Grazie. Ho riso un sacco.
    Altri cliché?
    - L'amore così focoso che il cuscino si spacca provocando un turbinio di piume.
    - Lui che si alza di fretta e si infila i pantaloni senza mutande.
    - I due amanti che si guardano ansimanti e accaldati, sorridono birichini dell'intesa inaspettata, e si risaltano addosso per la doppietta. Questa mi fa ridere in particolare nel caso in cui lui non sia più giovanissimo (la regola dei venti minuti a una certa età diventa più la regola del va beh dai sono a posto per due o tre giorni) o nel caso in cui per lei sia stata la prima volta (sai che male?!) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, sono tutti instancabili! E poi dopo una notte di fuoco arrivano alla mattina freschi e riposati... :P
      E' vero, il secondo punto che hai citato è l'alternativa al lenzuolo!

      Elimina
  11. Ma sai che succede se s'infila i pantaloni senza mutande e sbaglia la mira! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh magari in qualche sit com lo vedremo succedere prima o poi...

      Elimina
  12. Fantastica! Mi hai fatto troppo ridere! E che dire dell'amante nascosto sul cornicione? :) :) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia, è vero! Da ansia quando succede :D

      Elimina
  13. Negli horror fare sesso non conviene mai... specie se all'inizio del film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! Certo che pure l'horror ne ha di clichè, eh? :D

      Elimina
  14. Mi hai fatto troppo ridere, la prima scena del lenzuolo o piumone in cui ci si avvolge mi ha dato spesso da pensare...e anche tutte le altre, ho solo un piccolo problema, nel mio terzo romanzo c'è una scena nella doccia, lasciata più che altro all'immaginazione perché descriverla diventava troppo arduo...
    Altri clichè: le gonne strette che salgono su e non si strappano neanche un po' e neanche si sgualciscono!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, i vestiti restano sempre ben stirati e puliti!
      Devo dire che nei romanzi ne ho lette di queste scene e secondo me tutto poi dipende da come le racconti... possono comunque mantenere credibilità se inserite in un giusto contesto. A parte il lenzuolo, che proprio non è credibile :D

      Elimina
  15. Sono tornata a commentare perché ieri me ne è venuto in mente un altro: lei che, un mesetto dopo il rendez vous, inizia a vomitare ovunque, con una predilezione per contenitori assurdi (il bidone dell'immondizia e la ciotola del cane fra tutti) per poi scoprirsi incinta. :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì e solo lei non lo sospetta, ma è mai possibile mi chiedo io?! :D

      Elimina
  16. Ahahahah, che ridere! :D

    Non avevo mai fatto caso alla raffinatezza del punto 2).
    Sul punto 5) di solito si alza il coro di ululati in famiglia, specie da parte del consesso maschile.

    Altre cose:
    - Io ho notato che, dopo la notte brava, lui si alza sempre con gli slip addosso, di solito di colore scuro. Raramente se li mette dopo. Come dici tu, perché tanta pudicizia?
    - Aggiungerei la velocità con cui i due vanno a letto: dopo cinque minuti che si sono incontrati. Commento rammaricato del mio coniuge: "Ma solo nei film succede!"

    In generale ovviamente i protagonisti di queste scene non sono mai dei poveri lavoratori/lavoratrici che devono alzarsi alle sei del mattino per "andare a stringere il bullone" in fabbrica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, macché, sono puntualmente scattanti la mattina dopo. E si svegliano sempre tra le lenzuola con una luce che inonda la stanza... :D
      Ululati eh? ahahhahaha

      Elimina
  17. Se penso alla nuvola di vapore, mi viene in mente la scena di Titanic, la camera che si avvicina inquadrando l'automobile e i suoi vetri appannati (seguita dalla spalluccia infantile dell'imberbe Di Caprio).
    Scena molto bella quella in cui nel film Una donna in carriera lei è sbronza e lui se la carica in spalla per portarsela a casa, in una notte in cui non accadrà nulla comunque.
    Scena fantastica quella in Harry ti presento Sally del "mattino dopo", in cui i due hanno espressioni opposte stampate sulla faccia.
    Avrei liste infinite, ma tutte in film datati, che sono i miei preferiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che la scena del Titanic che descrivi non me la ricordo proprio?
      Però è vero che ci sono dei film datati dove certe scene non hanno niente di ridicolo, anzi conservano un loro fascino. Il problema è quando si ripetono e ripetono fino a diventare stereotipi!

      Elimina
    2. https://youtu.be/CG33t_h0CX8

      Mi piacerebbe scrivere un post su questi film datati e ineguagliabili.

      Elimina
    3. Ah, ora che l'ho vista l'ho ricordata! E poi la mano che scivola sul vetro è un mito ;)
      Dai scrivilo, sarebbe molto carino!

      Elimina
    4. Mmm... mio figlio era piccolo quando vide Titanic e, quando ci fu la scena in cui erano in automobile dopo, mi chiese: "Mamma, perché sono senza i vestitini?" ;-)

      Elimina
    5. Ehm... domandina che prima o poi tutti i genitori si sentono fare :) Che poi i film di un tempo erano davvero casti, ma oggi...

      Elimina
  18. Una cosa che mi fa ridere un sacco è che in molte produzioni americane che non vogliono sconvolgere nessuno non sono mai nudi nudi. L'altra sera guardavo Outcast, che per altro è super inquietante, parla di possessioni (demoniache?), insomma, non quello che immagino uno spettacolo per bambini. Ma sia mai che non possa andare in prima serata! Quindi lui e lei si contorcono sul divano di casa, sembrano aver fatto scintille, salvo poi scoprire che lui non si è mai tolto i boxer...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è molta contraddizione, in effetti. D'altra parte le produzioni americane sono molto varie da questo punto di vista.
      Non conosco Outcast, ma credo non faccia per me...

      Elimina
  19. Invece di OutCast, dovresti vedere OutLander ;)
    E' una produzione americana (Starz), ma con base in Scozia (l'ambientazione è lì per i primi 3 libri, poi si sposterà in america). Nudo ce n'è parecchio, alla puntata 7 della prima stagione, The wedding (ma soprattutto The wedding night) sia maschietti che femminucce si sono rifatti gli occhi, lei integrale (ex modella Victoria's Secret), lui di spalle ma integrale (Mel Gibson battuto alla grande). Mi pare sia comunque prima serata in america. Qui da noi lo è su Fox Life/Sky.
    E il sesso in quella serie (e in quei libri) è un bel 70% di successo. Il resto lo fa la Storia, la cura dell'ambientazione, le ricostruzioni, la storia d'amore.
    Il risultato però è che hanno ancora poca visibilità e sono stati esclusi dagli Emmy anche quest'anno. Lo stesso autore di Game of Thrones, George R.R. Martin, ha dichiarato che Outlander è stato derubato (ma gli Emmy sono molto "politici" e Outlander è una serie con budget diviso tra america e europa, che nella trama in qualche modo difende l'indipendenza scozzese...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho iniziato a vederlo, in effetti ha una trama accattivante ed è molto ben fatto anche come ricostruzione storica. Per ora però l'ho sospeso perché per i miei gusti c'era troppa violenza. Credo di essere arrivata forse proprio alla puntata 6 (quella che citi non l'ho vista), che mi aveva dato la nausea... Sarò io, ma certe scene proprio non riesco a reggerle, anche se capisco che le situazioni di cui parlano sono cose realmente accadute. Il che è anche peggio....

      Elimina
    2. Beh, anche il finale della prima stagione è forte, dal momento che è un lui ad essere violato. Ma rispecchia i libri, i quali ahimè rispecchiano la triste realtà di quei tempi. La seconda serie è forse meno cruenta (anche se vanno verso la battaglia di Culloden non la mostrano), ma terribilmente strappalacrime, quello si.

      Elimina
    3. Dipende dalle serie, non guardo Outlander, ma Il trono di spade sì, e quelle sono serie in cui il nudo deve esserci. Ne "Il trono di spade" anche quando non ha un gran motivo di esserci. Poi ci sono gli estremi opposti, dove magari la gente viene sgozzata, ma lei non si toglie mai il reggiseno, né lui le mutande.

      Elimina
  20. Tutto verissimo e divertentissimo, anche se... quando si fa sesso in macchina dopo un po' i vetri si appannano veramente, parola mia, lol

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah beh, allora va tolto dai cliché! ;) Grazie HateQueen :)

      Elimina
  21. Beh, il sesso cinematografico è sempre patinato e sicuramente più "scenico" rispetto a quello della vita reale. Comunque, se conoscete una donna che basta che si ubriaca e poi va a letto con chiunque, presentatemela perché nella vita vera in genere anche dopo la quarta e la quinta birra, se per caso allunghi un braccio sopra la spalla lei si scansa subito e rifiuta ogni tua proposta di riaccompagnarla a casa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah già, in effetti anche le ubriacature sullo schermo sono proprio fuori dalla realtà! :)

      Elimina
  22. Mai capito perchè nei film dopo averlo fatto lei rimane nuda ma col lenzuolo tirato su a coprirla pudicamente fino alla gola e rimboccato sotto le ascelle a mo' di vestito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! Il lenzuolo è il vero protagonista delle scene hot :D

      Elimina
  23. Usare la doccia per lavarsi, che banalità! Però l'amplesso nel vicolo squallido, vicino al cassonetto... dici che la molletta al naso fa sexy? E il lenzuolo sembra quello di un lettino per neonati, quanto a dimensioni. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha non l'avevo notato, ma verissimo :D
      La faccenda dei vicoli squallidi proprio non la capisco, poi... come dici tu, con quella puzza, bleah!

      Elimina
  24. Una che mi ha sempre colpito (più legata al dopo-doccia in realtà :-) ) è quando dopo essersi lavati si vestono senza asciugarsi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione! E mi hai fatto venire in mente quando c'è un diluvio tremendo e un secondo dopo sono tutti asciutti :D

      Elimina
  25. Mai capito il "ti odio ma ti amo", perchè non ne vedo il minimo senso (come per l' Odi et amo del buon friendzonato Catullo), una cosa però che mi ha sempre lasciata sbigottita è la magica capacità di svegliarsi all'ora di andare a lavoro, o poco più tardi, dopo una notte di follie che manco se mettessi diciotto sveglie sarei in grado di alzarmi dal letto. Davvero, chapeau se ci riuscite!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto ti capisco! Anche per me è davvero inconcepibile tutta quell'energia che sprizzano le persone dopo notti di follie. Capisco l'adrenalina che ti tiene su per un po', ma prima o poi crolli. Sembra che dormire sia un optional, come mangiare :)

      Elimina

Posta un commento

Ogni contributo è prezioso, non dimenticarti di lasciare la tua opinione dopo la lettura.
Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi ricevere una notifica per e-mail con le risposte, metti la spunta su "inviami notifiche".
(Ti prego di non inserire link, altrimenti sarò costretta a rimuovere il commento. Grazie!)