Passa ai contenuti principali

Il meraviglioso mondo dell'editor di scolastica (prima puntata)

L'articolo che ho il piacere di ospitare è il primo di una serie che ci racconterà le esperienze professionali di una editor. Vi segnalo che l'autrice ha scelto l'anonimato, ma si tratta di una scrittrice e blogger che frequenta da tempo questo blog e che la maggior parte di voi conosce. Sono sicura che non sarà difficile intuire di chi si tratta dalle note in fondo al post e dal suo stile di scrittura!

In ogni caso, la ringrazio fin d'ora per questo suo contributo prezioso e piacevole. Vedrete in questa e nelle successive puntate che la nostra Alice ne ha di cose interessanti da raccontare, sia come editor di scolastica che come editor di narrativa. Buona lettura.

Innanzitutto ringrazio Maria Teresa che mi dà l’opportunità di parlare di una figura per molti versi sconosciuta, cioè quella dell’editor. Per far questo, ho pensato di raccontarvi alcuni aspetti della mia esperienza professionale in un campo molto specifico, che è quello dell’editoria scolastica nelle lingue straniere. Lo farò con un taglio un po’ ironico, in modo da non annoiare. So che la parola “scuola” fa partire subito una serie di sbadigli irrefrenabili oppure una serie di memorie terrificanti di dickensiana memoria. Invece lavorare in editoria scolastica è impegnativo, ma spesso anche molto divertente.

Chi è l’editor


A chiunque mi chieda che lavoro faccio, rispondo con “Sono redattrice” perché, se posso, evito di usare termini inglesi, anche se non sono patriottica come i francesi che usano il termine ‘ordinateur’ per riferirsi al computer. Al che segue un siparietto, di solito in questi termini: “Ah, sei arredatrice! Interessante.” Pensiero recondito che accende le pupille: “Potrei farmi dare dei consigli per un restyling del mio salotto.” Io: “No, sono REdattrice. Redattrice per le case editrici di scolastica.” Pupille più opache. “Allora scrivi i libri per la scuola.” “No, quello lo fa l’autore. Sono corsi per l’insegnamento delle lingue straniere. Di solito lavoro sull’inglese, o sul francese.” La vitalità nelle pupille si abbassa di molto, ma non è ancora spenta. “Quindi traduci.” “No. Di solito gli autori sono madrelingua, quindi non c’è nessun bisogno di un traduttore.” Nell’ultimo, disperato tentativo di capire: “Sei correttrice di bozze, dunque.” “Beh, anche, ma qualcosa di più.” Ormai il fumetto di pensiero porta la seguente scritta: “Ma che caspita fa questa qui?” Al che arrivo in soccorso e dico: “Sono editor.” La luce della vita nelle pupille si riaccende di colpo, e la persona esclama: “Ah, ora ho capito! Potevi dirlo subito!”

Però la nebbia non è per niente diradata, perché molte persone hanno un’idea davvero vaga di che cosa faccia un editor, specie nelle redazioni di scolastica, e lo confondono con il correttore di bozze. E quindi proverò a spiegarvelo, e proverò a spiegarvi come la professione implichi un lavoro cosiddetto di squadra davvero molto serrato, in cui tutte le parti in causa contribuiscono alla buona riuscita dell’opera. Se una sola di loro non svolge il suo ruolo, o lo svolge in ritardo oppure in parte, si creano parecchi problemi. E con tutte queste figure l’editor deve interagire.

L’editor di scolastica


Poniamo che l’editor debba occuparsi della lavorazione di un classico corso per insegnare l’inglese nelle scuole superiori, che di solito si suddivide in Student’s Book (libro da usare in classe tutti insieme, sotto la lieta supervisione dell’insegnante), Workbook (eserciziario che lo studente usa nella solitudine della propria cameretta, possibilmente non in modo troppo creativo) e Teacher’s Book (libro SOLO per l’insegnante, che contiene materiale di supporto e molte altre utili informazioni per agevolare il suo lavoro). Possono esserci anche altri materiali, come i libriccini dei compiti per le vacanze, ma mi fermerei qui.

Dopo aver visto i componenti di base, vediamo che cosa succede nel lavoro dell’editor.

Il materiale grezzo


Dopo innumerevoli letture da parte di consulenti e insegnanti, e spesso di vere e proprie operazioni di riscrittura e sviluppo, il manoscritto dell’autore è approvato dalla casa editrice per la pubblicazione. Mentre si esamina il materiale, è già entrato in campo l’editor? Sì, se è di un certo livello. Anche se non è un esperto di metodologia, l’editor deve possedere comunque un’infarinatura in materia, acquisita con la sua preparazione universitaria oppure con la sua esperienza sul campo. Se devi insegnare la lingua inglese, parti da un sillabo. Questo sillabo non viene generato da una mente superiore, come Atena, dea della sapienza, dal capo del padre Giove, ma dalle linee guida ministeriali ed è conforme anche agli esami a livello europeo della Cambridge per certificare il livello di preparazione.

Dunque il sillabo è la sequenza degli argomenti grammaticali, lessicali, di pronuncia, di funzione comunicativa, di civiltà (intesa non in senso civico, ma che comprende ad esempio la conoscenza di altre culture, anglofone in questo caso) e altro. In un corso difficilmente si troverà nella prima lezione estratti da un dramma di Shakespeare, perché il bagaglio grammaticale e lessicale dello studente è molto scarno. Di solito persino alle superiori si riparte da zero, o quasi. Certamente i corsi sono cambiati moltissimo da quando studiavo inglese da ragazza, e non ci sarà più il classico: The pen is on the table, ma qualcosa di un po’ più stimolante fin da subito per i ragazzi, o almeno si spera.

Quindi l’editor può cominciare a operare come consulente nella valutazione del materiale.

Il progetto grafico


Quando il materiale iniziale, insieme al piano dell’opera, è stato approvato tra tappi di champagne che saltano e brindisi beneauguranti di proficue vendite, la casa editrice commissiona il progetto grafico, cioè il vestito che il contenuto dovrà indossare. Il corso dovrà avere un aspetto adeguato al livello di età degli studenti, essere ordinato, gradevole e accattivante sia nei colori che nelle icone, cioè quei segnali che indicano quando siamo di fronte a un esercizio con ascolto audio, per esempio, oppure un esercizio che comporta lavoro a coppie o di gruppo (non pensate male…) e, ultimamente, anche esercizi di tipo digitale. Il grafico, cioè l’architetto e l’artista della pagina, propone un progetto che prenda in considerazione delle lezioni-campione particolarmente rappresentative, e si prepara un timone dell’opera con tutte le pagine, cioè la segnatura su doppia pagina: uno schema in piccolo della sequenza fisica delle pagine.

C’entra l’editor? Sì, sempre che abbia acquisito esperienza tale da poter commentare un progetto grafico nei suoi vari aspetti. Gli si chiede dunque un parere circostanziato, e qui si entra nel campo dell’imponderabile, perché qualsiasi cosa abbia a che fare con l’estetica scatena liti furibonde tra i vari attori in campo, che litigano per portare alla ribalta il proprio colore preferito, o dare più rilievo alla fotografia del primogenito finita chissà come nel progetto grafico. Insomma, spesse volte si entra nel campo del soggettivo con conseguenze che vanno dalla pace armata all’inizio della Terza Guerra Mondiale.

Il calendario di lavorazione


Dopo i suddetti massacri e aver fatto il giro dell’orbe terracqueo, il progetto grafico ha finalmente ricevuto un solenne imprimatur da tutti, dal custode dello stabile per arrivare al Papa in carica. In corso d’opera potrà subire dei lievi ritocchi e miglioramenti, ma la sostanza dovrà rimanere quella. Ed è qui che l’editor entra in campo nel vero e proprio senso della parola, stabilendo in concordia con autori, grafico o impaginatore, illustratore e ricercatore iconografico un calendario di lavorazione del corso. Questo calendario è stabilito con date precise, tenendo conto del lavoro di tutta la squadra. Anche qui, molte volte ci sono ritardi fisiologici, perché non si può prevedere se il grafico cade e rompe un braccio o se il ricercatore iconografico consegna le foto sbagliate o se allo stesso editor muore il gatto. Un calendario è necessario, perché l’opera di scolastica, dopo almeno tre giri di bozze, deve uscire in tempo per la propaganda presso gli insegnanti – quindi di solito nei primi giorni del primo mese dell’anno successivo dev’essere chiuso e mandato in stampa. E il calendario riceve un secondo suggello, con il sangue dei componenti della squadra come in un patto di fratellanza. L’editor comincia innanzitutto a lavorare in stretto contatto con il grafico.

Chi è il grafico


Il grafico è il braccio destro dell’editor, o l’editor è il braccio destro del grafico a seconda dei punti di vista! In ogni caso grafico ed editor in scolastica devono lavorare il più possibile in armonia, come un tandem in cui pedali e ruote girano allo stesso ritmo, e verso la stessa direzione. Il grafico potrebbe ricadere in tre categorie:
  • Il grafico che “tu mi dai il progetto, e io eseguo”: della serie, se gli chiedi spostare il filetto di una tabella o fare qualcosa di più creativo, entra in crisi esistenziale e dice: “Ma questo non c’è nel progetto grafico.” In questo caso si tratta di un puro esecutore, che magari sforna pagine a tonnellate rispettando il calendario in maniera teutonica (ci vogliono e sono delle certezze), ma che polemizza su ogni minima cosa si sposti dal progetto e che fa venire un gran mal di testa all’editor.
  • Il grafico “tutto genio e sregolatezza”: questi sono i Caravaggio della grafica. Producono progetti grafici e impaginazioni lavorando di fioretto come i moschettieri di Sua Maestà, utilizzando fotografie e illustrazioni e colori in maniera veramente superba. Il rovescio della medaglia è che, spesso, il calendario è solamente un oggetto da appendere al muro della cucina, e da cui strappare le pagine quando si ricordano. Questa è la categoria che stimola il lato violento nel più pacifico degli editor, e gli fa venire voglia di menare le mani.
  • Il grafico “che è una via di mezzo”: come sempre, queste sono le persone migliori con cui lavorare, perché seguono il progetto con cura anche se non l’hanno realizzato loro, e sono disponibili ai cambiamenti purché ragionevoli. Spesso succede che il grafico noti cose che non vanno dal punto di vista dei contenuti, e che l’editor faccia lo stesso per il grafico. Questo è esattamente il clima di collaborazione che si dovrebbe venire a creare, senza che uno invada il campo dell’altro. Come editor, non mi permetto di dare ordini in campo grafico, anche se naturalmente con l’esperienza qualcosa ho imparato; ma suggerimenti, che si valutano insieme nella loro fattibilità. Poi ognuno ha le sue fisime, com’è giusto che sia.

La messa in produzione


L’editor è dunque all’opera sui materiali veri e propri, cercando di:
  • Prevedere il quantitativo di materiale che ci starà sulla tal pagina, in modo che non ci siano troppi esuberi o pagine bis, cioè tutto quel materiale che non ci potrà mai stare in un luogo che, in fin dei conti, è soggetto alle leggi della fisica (non hanno ancora inventato le pagine allungabili). Il “fuori gabbia” segnalato dal grafico può comportare un surplus di due o tre righe, ed è facilmente risolvibile. La situazione si fa drammatica quando ci sono pagine “bis” o addirittura “ter” in caso di autori particolarmente abbondanti nella stesura. A differenza della narrativa in cui il testo scorre, in scolastica il testo è bloccato sulla pagina proprio per la natura del materiale. Se l’editor prevede che davvero ci sia troppo materiale, contatta prima l’autore o gli autori e concorda i tagli da fare seguendo il sillabo, altrimenti li esegue in autonomia sul file.
  • Ripulire il testo da tutto il surplus che di solito introducono gli autori volenterosi che, nel tentativo di agevolare il lavoro, inseriscono filetti, foto prese dal web, misteriosi segni in lingua sumera, evidenziazioni in colore, fumetti con commenti ansiosi e ansiogeni. La ripulitura prevede l’eliminazione dei doppi spazi, l’uniformazione dei termini, la correzione degli errori se l’editor ne vede, e chi più ne ha più ne metta.
  • Indicare lo spazio destinato alle illustrazioni e alle fotografie, per il quale il grafico/impaginatore lascerà un inquietante box grigio con le misure corrette e una piccola descrizione al suo interno.
  • Altro…

Dopo aver messo a posto i materiali per la produzione, ed essersi bevuto un gin tonic per rincuorarsi, l’editor invia i file al grafico/impaginatore che impagina seguendo il famoso progetto grafico e producendo la prima bozza... Argomento che vedremo nella prossima puntata.

Alice

(Fine prima puntata)


L'AUTORE DI QUESTO GUEST POST L’autrice di questo post (classe 1963) lavora da circa venticinque anni nel campo della scolastica per le lingue straniere. Ha iniziato come segretaria di direzione editoriale, per poi passare alla redazione vera e propria. Ha avuto modo di lavorare come correttrice di bozze, ricercatrice iconografica e infine editor. Nella sua esperienza ha potuto assistere alla nascita, allo sviluppo, alla vita e alla morte di un libro da tutti i punti di vista. Ritiene che la sua esperienza l’abbia arricchita, e continui ad arricchirla, dal punto di vista professionale e soprattutto umano. Si diletta lei stessa nella scrittura di romanzi, anche se di recente si ritiene… una “scrittrice per hobby”!

Se vuoi scrivere anche tu un post per questo blog, leggi le linee guida per inviare il tuo contributo.

Commenti

  1. Articolo molto interessante specialmente per me, che vorrei iscrivermi a un corso di editing. Siccome ho capito chi è l'autrice (perché l'anonimato?) la contatterò privatamente per chiedere lumi. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che l'hai capito :) Mi è dispiaciuto molto che non si sia firmata, ma capisco l'esigenza di restare anonima, visto che parla del suo lavoro e di colleghi che potrebbero riconoscersi e non gradire.

      Elimina
    2. Potrei scrivere anche io un pezzo anonimo sul mio lavoro.... (buahahahaga, risata diabolica)

      Elimina
    3. Buongiorno Chiara e Maria Teresa, vi scrivo dal meraviglioso mondo della scolastica. ;-)

      Sono contenta che Chiara abbia apprezzato l'articolo e sono disponibile a qualsiasi consiglio. C'è da dire però che ho imparato sul campo poco alla volta, cominciando con il riportare delle semplici correzioni per una ristampa corretta e imparando i segni dei correttori di bozze. Tanto per complicarci la vita, questi segni sono diversi se il correttore di bozze è italiano o inglese!
      Alice

      Elimina
    4. Per quanto riguarda la scelta dell'anonimato, si è trattato magari di un eccesso di prudenza da parte mia in quanto il post non è per niente offensivo. Però ci sono persone piuttosto permalose nel mio settore... Poi volevo comunque che emergesse il mio lato ludico, e ho pensato di non renderlo troppo arido andando su immagini tratte dal mondo di Alice che la bravissima Maria Teresa ha scelto per me!
      Alice

      Elimina
  2. Post davvero molto interessante che porta alla luce aspetti tecnici e specialistici di cui io sono molto ignorante. Mi piacerebbe leggere un post che racconti in modo dettagliato il percorso che ti ha portata a diventare editor. Ma magari l'hai già scritto da qualche altra parte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sissi, grazie per il commento. Non ho scritto un post specifico sul percorso che mi ha portata a diventare editor,ma potrei riassumerlo in tre parole: una lunga gavetta. Come hai letto dalla mia data di nascita, non sono più giovanissima, ma ho avuto la fortuna di cominciare a lavorare negli anni '80 dove non c'erano problemi di lavoro. Non essendo laureata, però, ho dovuto partire da zero come dattilografa e non in una casa editrice. Avevo il mito dell'editoria, come penso molti anche ai giorni nostri, e quindi, passando di lavoro in lavoro, sono finalmente entrata in una casa editrice francese di testi universitari cominciando dalla segreteria editoriale. Sono rimasta lì lunghi anni, poi dopo la nascita di mio figlio, e la mia messa in mobilità, sono approdata in una multinazionale di lingua inglese. Il mio direttore editoriale (donna) mi aveva chiesto se mi sarebbe piaciuto imparare qualcosa nella redazione, e io ovviamente avevo detto di sì. E da lì è partito il mio percorso... che dura tuttora... in effetti mi sto rendendo conto che potrei proprio scrivere un post a parte!
      Alice

      Elimina
  3. Mi è piaciuto moltissimo questo primo post e trovo molto azzeccata la scelta delle immagini! ;-) Il mondo dell'editoria scolastica è davvero un luogo parallelo dove si incontrano molti personaggi curiosi, proprio come Alice nell'omonimo libro.

    RispondiElimina
  4. Stavo già facendo la frittata, come si suol dire... credevo che l'anonimato fosse scherzoso! Comunque, post molto interessante, che mi fa conoscere un mondo alieno. Mi affascina molto l'idea di lavorare in sinergia con qualcuno che si occupa delle immagini. In particolare mi piacerebbe lavorare con un illustratore per realizzare un libro per bambini. In giro ci sono lavori che lasciano a bocca aperta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Grazia, diciamo che l'anonimato è semi-serio... parlando del mio lavoro, preferisco non dare troppo nell'occhio. Poi chi mi conosce mi ha subito sgamato naturalmente.

      In effetti una volta mi ero ritrovata a spiegare a una mia amica, per filo e per segno, che cosa diavolo facessi perché non riusciva proprio a capirlo.

      Per quanto riguarda gli illustratori, nella prossima puntata ci sarà proprio un paragrafo dedicato a queste figure e alla loro abilità nel diversificare lo stile, adattandolo alle varie età degli studenti. Quindi "stay tuned"!

      Alice

      Elimina
  5. Bel post, non sapevo niente di scolastica e di sillabi... brr quando ho letto quel termine mi è venuto in mente il lugubre editto di Pio IX e mi son chiesto se parlavamo di editor o di qualche esecutore medioevale, dal momento che i REdattori sono famosi per l abile uso della mannaia xD
    Rispetto l'anonimato anche se sono un nuovo amico di blog di Maria Teresa (il tuo libro è in lista!) E comunque non mi interessa... cioè mi interessa chi sei Alice, ma nel webspace siamo tutti nick coz frik no? Io poi che non ho un blog mio e l'unica certificazione di esistenza sembra essere goggle sono l'ultimo che può avanzare pretese. Ma se sei libera stasera, possiamo chattare =0)
    leggo e rispondo solo ora perché goggle mail mi fa letteralmente sclerare. Come le tre carte, un giorno mi mette le mail (non solo le tue, ma anche quelle di Daniele, di moz grr...) nella categoria social, un altro tra le promo ... manca solo lo spam. Forse so perché non ho ancora aperto sto benedetto blog, a parte l'innata pigrizia: già sclero per le newsletter figuriamoci se dovessi gestire anche i problemi dall'altro capo della barricata.
    Poi leggo la seconda puntata. Un grazie sentito. Alice sei un web-mito
    Ah già, ecco ... copio incollo ...

    RispondiElimina
  6. Ho letto questa prima parte e sto per passare alla seconda.
    Nel frattempo sono curiosa di sapere chi si celi dietro questo anonimato. :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ogni contributo è prezioso, non dimenticarti di lasciare la tua opinione dopo la lettura.
Se commenti per la prima volta, ti consiglio di:
1) accedere all'account con cui vuoi firmarti
2) ricaricare la pagina
3) solo allora inserire il commento.
Se vuoi ricevere una notifica per e-mail con le risposte, metti la spunta su "inviami notifiche".
(Ti prego di non inserire link, altrimenti sarò costretta a rimuovere il commento. Grazie!)